Address : Via del Macao 6
00185 Roma

Sandro Saccoccio ed ITOA la nuova associazione dell'incoming

12/03/2021 - 12/03/2023

Intervista di Roberto Necci:

Ciao Sandro apprendiamo della tua nuova iniziativa. Ce ne parli? Quali sono gli obiettivi?

 

ITOA Inbound Tour Operator Association è una libera associazione, a carattere nazionale, di imprese che esercitano attività di organizzazione di viaggi (Tour Operator) e servizi di accoglienza turistica.

 

ITOA Inbound Tour Operator Association è un’associazione senza fini di lucro, apartitica ed ha durata illimitata. Attraverso ITOA ogni socio cercherà di porre in essere l'attuazione dei più efficaci strumenti di collaborazione tra le imprese socie e con le espressioni associative di tutto il comparto del turismo nonché con le istituzioni, le organizzazioni politiche, culturali, economiche e sindacali, nazionali, comunitarie ed internazionali, interessate allo sviluppo del turismo organizzato come fattore di progresso sociale, economico e culturale sostenibile e rispettoso della salvaguardia del sistema sociale ed ambientale con particolare riferimento al turismo ricettivo. Cercheremo di collaborare con ENIT e tutte le Regioni per introdurre tutte le iniziative possibili per promuovere il turismo italiano, in particolar modo quello ricettivo “inbound” e in particolare tutte le iniziative coerenti con l’offerta ricettiva alberghiera nazionale.

 

 

Come vedi il futuro del turismo italiano dopo il Covid? Quali sono le insidie che vedi e le opportunità che intravedi?

 

L’industria turistica italiana ha bisogno di modificare la sua impostazione, ormai obsoleta. E’ fondamentale accelerare l’ammodernamento delle strutture ricettive, la legislazione in materia, creare scuole di formazione di eccellenza, destinare le tasse di soggiorno alla promozione dei territori, differenziare le licenze amministrative tra chi si occupa di inbound con chi si occupa di outbound, far pagare le tasse in Italia ai colossi del web, e molto altro ancora. ITOA si propone di portare avanti questi temi, solamente attraverso la professionalità dei propri associati, evitando di cadere nella trappola dell’appartenenza politica. Per noi vale solo il lavoro, ben fatto, nell’industria turistica. Mi batterò per questo.

 

 

Cosa è mancato di più in questi mesi? Come è lo stato di salute della filiera del turismo ed in particolare to e adv?

 

Siamo ridotti ai minimi termini. I ristori sono stati spesi, talvolta, in modo inappropriato, senza valutare veramente i costi di gestione delle aziende. I parametri utilizzati sono completamente distanti dalla realtà.

 

Come spesso accade, ci si è affidati a chi non conosce minimamente come funziona l’industria turistica e tantomeno l’intera (lunghissima) filiera. Dobbiamo essere coesi, per aspettare la ripartenza. Anche il 2021 sarà lacrime e sangue.

 



Maggiori informazioni, sulle nostre attività consulenziali sono disponibili sul sito www.neccihotels.it , relativamente alla finanza di impresa ed all'assistenza in situazioni speciali www.investhotel.it


»