Address : Via del Macao 6
00185 Roma

Il ruolo dello Stato dell'economia. Il ruolo Cassa depositi e prestiti nel turismo

26/03/2021 - 26/03/2023

Uno dei temi che da sempre interessa più i macroeconomisti è quello del ruolo dello Stato nell'economia; quale ruolo deve essere appannaggio degli Stati nel mercato?

 

Un ruolo di attore principale o di sostegno quando la domanda e l'offerta non si incontrano e vi è necessità di supportare la domanda aggregata ? Oppure lo Stato, stabilite le regole del gioco, deve "lasciar fare" ?

 

Sono gli eterni dilemmi dei padri del pensiero economico, Smith, Keynes, Marx che di volta in volta vengono citati, spesso a sproposito, per giustificare o meno un intervento.

 

In realtà la politica specialmente del nostro Paese ci ha abituati a calcoli esclusivamente di natura elettorale e mai di rispetto di una filosofia economico sociale. 

 

Una mancata scelta di un modello economico da parte dell'Italia che ne ha da sempre condizionato la crescita e lo sviluppo e probabilmente ne condizionerà anche il futuro.

 

Interessante quindi analizzare il ruolo dello Stato in uno dei settori strategici della economia: il turismo. Emblematico il caso Alitalia salvata dallo Stato più volte con il denaro dei risparmiatori.

 

Uno Stato che deve costantemente finanziare una compagnia inefficiente ed a scarso valore aggiunto per il comparto, visto che altre compagnie con maggior capienza ed efficienza potrebbero subentrare negli spazi Alitalia generando maggiori traffici ed opportunità.

 

Una compagnia salvata mediamente ogni 4/5 anni dal fallimento.

 

Che Stato è questo? Certamente non liberista ne keynesiano, socialista piuttosto ma solo se conviene elettoralmente.

 

Quale è il ruolo di CdP Cassa depositi e prestiti che aspira ad essere un player / investitore nel turismo, sempre con i soldi dei risparmiatori ovviamente, con quali logiche si scelgono gli investimenti che vanno poi a fare concorrenza ai privati a cui spesso lo Stato non rende neanche tanto facile la vita? 

 

Può una azienda nel nostro paese avere da una parte uno Stato vessatore nonchè generatore di politiche fiscali e burocrazia speso di difficile decifrazione e dall'altra parte avere sempre il medesimo soggetto, lo Stato, come concorrente diretto anche alla luce dei continui investimenti di CdP anche in aziende alberghiere?

 

Può una classe imprenditoriale definirsi liberista e poi accogliere a braccia aperte i sostegni statali?

 

Da queste risposte dovrebbe partire la modernizzazione del nostro Paese.

 

Comunicato Stampa Cassa depositi e prestiti fondo turismo

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 



Maggiori informazioni, sulle nostre attività consulenziali sono disponibili sul sito www.neccihotels.it , relativamente alla finanza di impresa ed all'assistenza in situazioni speciali www.investhotel.it


»