Address : Via del Macao 6
00185 Roma

News AdnKronos

Easyjet, troppi ritardi e cancellazioni: salta il direttore operativo

07/04/2022 05:53 PM

(Adnkronos) - Troppi ritardi e troppe cancellazioni. Prosegue l'estate nera del trasporto aereo low cost e, in particolare, quello di Easyjet. Peter Bellew ha rassegnato le dimissioni dalla carica di Chief operating officer, ufficialmente "per perseguire altre opportunità di ...

Leggi tutto

(Adnkronos) - Troppi ritardi e troppe cancellazioni. Prosegue l'estate nera del trasporto aereo low cost e, in particolare, quello di Easyjet. Peter Bellew ha rassegnato le dimissioni dalla carica di Chief operating officer, ufficialmente "per perseguire altre opportunità di business" ma soprattutto a causa dell'ondata di disservizi che la compagnia sta subendo a causa della mancanza di personale.  

David Morgan è stato nominato Direttore operativo ad interim e riporterà direttamente al Ceo, Johan Lundgren. Morgan è in EasyJet dal 2016 e ha già trascorso quasi un anno in qualità di Chief Operating Officer ad interim nel 2019. 

Nonostante le rassicurazioni, Easyjet si dice "assolutamente impegnata a garantire operazioni sicure e affidabili per quest'estate e a continuare a operare fino a 1700 voli ogni giorno, e a trasportare 250.000 passeggeri”, le dimissioni del direttore operativo non possono che essere lette come una resa di fronte agli errori compiuti. Non solo da lui, evidentemente.  

Easyjet è stata una delle compagnie più colpite dalle cancellazioni di voli degli ultimi mesi. Migliaia di voli sono stati annullati, anche il giorno stesso del previsto decollo. Il mese scorso la compagnia aveva annunciato che avrebbe eliminato migliaia di voli estivi, proprio nel tentativo di evitare cancellazioni dell'ultimo minuto. Ciò anche in risposta ai limiti introdotti dagli aeroporti di Gatwick e Amsterdam Schiphol. Ma i disservizi proseguono e il paradosso di avere troppi voli da fare rispetto alla forza lavoro a disposizione non si riesce a risolvere.  

Cosa è successo? La forte ripresa della domanda di voli ha messo in ginocchio le compagnie che durante la pandemia hanno tagliato il personale di volo e a terra, riducendo gli organici al minimo indispensabile. L'impossibilità di reperire i dipendenti necessari sta compromettendo una ripresa che, stano ai numeri di inizio estate, promette un ritorno agli stessi livelli del 2019. Il problema è che i conti sbagliati dei manager stanno pesando non solo sulle casse delle proprie compagnie ma anche sulle vacanze di migliaia di passeggeri, che stanno vivendo disagi inaccettabili.  

 

 


Appello del presidente Casellati, 'occorre investire nello sport'

07/04/2022 05:47 PM

(Adnkronos) - "Ritrovarci insieme oggi rappresenta un'opportunità per ricordare quanto sia forte, soprattutto in Italia, il legame tra sport, cultura, turismo, editoria, commercio e molti altri settori della nostra economia e della nostra società. Un rapporto che si salda ...

Leggi tutto

(Adnkronos) - "Ritrovarci insieme oggi rappresenta un'opportunità per ricordare quanto sia forte, soprattutto in Italia, il legame tra sport, cultura, turismo, editoria, commercio e molti altri settori della nostra economia e della nostra società. Un rapporto che si salda anche attraverso le numerose competizioni che si svolgono periodicamente nel nostro Paese, coinvolgendo decine di migliaia di atleti, ma anche amatori e appassionati provenienti da ogni angolo del mondo. Vetrine importantissime, specie quando si tratta di eventi di rilievo nazionale e internazionale, per far conoscere le infinite risorse di un'Italia ricca di tesori ambientali, paesaggistici e artistici e per promuovere quel turismo sportivo che, prima della pandemia, valeva quasi mezzo punto di Pil, con un fatturato annuo di oltre 7 miliardi e mezzo di euro". Lo ha affermato il presidente del Senato, Elisabetta Casellati , intervenendo alla presentazione dell'ottava edizione del premio letterario dedicato a Memo Geremia, giocatore, allenatore e poi per tanti anni presidente del Petrarca Rugby.  

"Sono cifre importanti, frutto -ha ricordato la seconda carica dello Stato- di una realtà operosa e instancabile che oggi, tra incertezze e scarse risorse ancora fatica a ripartire. Difficoltà davanti alle quali deve maturare la consapevolezza che investire nello sport non fa bene soltanto alla salute, ma anche all'economia e alla società". 

"Perchè significa restituire ossigeno e sostenere gli sforzi di importanti filiere produttive e commerciali, dall'artigianato alla grande industria, che spesso sono espressione di un'eccellenza italiana ammirata in tutto il mondo. Perchè significa proteggere il lavoro di tanti cittadini e preservare una ricchezza sociale rappresentata dalle innumerevoli associazioni sportive presenti nelle nostre città, a partire dalle piccole società dilettantistiche che spesso per molti giovani sono un punto di riferimento non meno importante della scuola".  

"Soprattutto, perchè significherebbe -ha concluso Casellati- restituire fiducia e alimentare quello spirito positivo che lo sport incarna in ogni sua declinazione e che è essenziale a qualunque ambizione di rivincita. La rivincita di un'Italia che deve poter tornare a credere in sé stessa e avviarsi verso una nuova stagione di rinascita guardando allo sport e alla cultura dello sport anche come preziosa fonte di ispirazione".  


Biglietti online da oggi per il Salone Nautico di Genova in programma dal 22 al 27 settembre

07/04/2022 05:43 PM

(Adnkronos) - A partire da oggi è attiva la prevendita online dei biglietti del 62° Salone Nautico Internazionale, organizzato da Confindustria Nautica a Genova dal 22 al 27 settembre prossimi. È possibile effettuare l’acquisto dei biglietti esclusivamente online sul sito salonenautico.com al ...

Leggi tutto

(Adnkronos) - A partire da oggi è attiva la prevendita online dei biglietti del 62° Salone Nautico Internazionale, organizzato da Confindustria Nautica a Genova dal 22 al 27 settembre prossimi. È possibile effettuare l’acquisto dei biglietti esclusivamente online sul sito salonenautico.com al costo di 18 euro + 1 euro di diritti di prevendita, mediante carta di credito e, da quest’anno, tramite Apple Pay e Google Pay.  

Il Salone Nautico Internazionale di Genova è l’evento più rappresentativo dell'eccellenza a livello mondiale del comparto della nautica da diporto italiana ed è punto di riferimento e piattaforma globale di confronto istituzionale, tecnico e di mercato per tutto il settore 365 giorni l’anno. La 62ª edizione, già sold-out in termini di adesioni di espositori italiani e internazionali, è lo specchio di un mercato caratterizzato da un trend di crescita molto sostenuto, a conferma dell’autorevolezza e della forza della manifestazione.  

La manifestazione ha già all’attivo 61 edizioni che costituiscono un patrimonio unico di una realtà che coniuga la solidità del passato e la visione del futuro, affermandosi come modello di evento all’avanguardia, efficace e concreto, simbolo del Paese e del made in Italy nel mondo. 

Il 62° Salone Nautico Internazionale di Genova, già caratterizzato lo scorso anno dalle prime importanti evoluzioni del suo layout in vista della realizzazione del nuovo Waterfront di Genova nel 2023, propone il collaudato format multi-specialistico, con rinnovati servizi dedicati e sviluppati per i cinque segmenti di mercato che lo rappresentano: Yacht e Superyacht, Sailing World, Boating Discovery, Tech Trade e Living the Sea. 

Oltre 200.000 mq di superficie espositiva tra terra e acqua, 1000 imbarcazioni, una ricca agenda di eventi e workshop che si terranno presso il Padiglione Blu, nelle Sale Forum ed Innovation e nella suggestiva cornice della Terrazza, e il palinsesto di appuntamenti presso il Teatro del Mare, sono pronti ad animare il 62° Salone Nautico Internazionale di Genova.  


Covid oggi Lombardia, 3.249 contagi e 4 morti: bollettino 4 luglio

07/04/2022 05:43 PM

(Adnkronos) - Sono 3.249 i nuovi contagi da coronavirus oggi 4 luglio 2022 in Lombardia, secondo dati e numeri dell'ultimo bollettino Covid-19 della Regione. Si registrano altri 4 decessi.  

I nuovi casi di positività a fronte di 14.230 tamponi effettuati, di cui è ...

Leggi tutto

(Adnkronos) - Sono 3.249 i nuovi contagi da coronavirus oggi 4 luglio 2022 in Lombardia, secondo dati e numeri dell'ultimo bollettino Covid-19 della Regione. Si registrano altri 4 decessi.  

I nuovi casi di positività a fronte di 14.230 tamponi effettuati, di cui è risultato positivo il 22,8%. In totale nella Regione 40.879 decessi da inizio pandemia. 

In terapia intensiva sono ricoverate 25 persone, una in più di ieri. Aumentano anche i pazienti nei reparti Covid ordinari, oggi 1.027, 25 più di 24 ore fa. 

Nel territorio metropolitano di Milano i contagi sono 1.252, di cui 637 nella città capoluogo. Seguono la provincia di Brescia con 458 nuovi casi, Monza e Brianza con 277, Pavia con 253, Varese con 231, Bergamo con 212 e Como con 155. Incremento a due cifre negli altri territori della Lombardia: Lecco registra 70 contagi, Mantova 64, Sondrio 59, Cremona 50 e Lodi 46.  


Quarta dose vaccino Covid, in tre mesi l'ha fatta meno di 1 su 3

07/04/2022 05:40 PM

(Adnkronos) - In tre mesi la quarta dose di vaccino anti-Covid non ha convinto gli italiani che potevano farla. Per questo continuano gli appelli del ministro della Salute Roberto Speranza a fragili e anziani per fare prima possibile il ...

Leggi tutto

(Adnkronos) - In tre mesi la quarta dose di vaccino anti-Covid non ha convinto gli italiani che potevano farla. Per questo continuano gli appelli del ministro della Salute Roberto Speranza a fragili e anziani per fare prima possibile il richiamo, visto anche il rialzo della curva dei contagi. Secondo i dati dell'Unità completamento campagna vaccinale, aggiornati ad oggi e pubblicati online, "la seconda dose booster del vaccino anti-Covid (o quarta dose) è stata somministrata a 1.274.426, il 28% della platea" quindi meno di 1 su 3.  

"Sono 343.738 gli immunocompromessi, il 43,4% del totale, che hanno ultimato il ciclo vaccinale con il richiamo da almeno 4 mesi", evidenziano i dati. Mentre sono 355.763 (l'8% della popolazione potenzialmente oggetto della seconda dose booster) i guariti dopo la prima dose booster da massimo 6 mesi.  

La quarta dose ha preso il via dal primo marzo per gli immunodepressi. Con la circolare dell'8 aprile 2022 il ministero della Salute ha poi raccomandato la somministrazione di una seconda dose di richiamo, dopo un intervallo minimo di almeno quattro mesi (120 giorni) dalla prima dose di richiamo, per le persone di 80 anni e più; gli ospiti dei presidi residenziali per anziani; gli 'over 60 anni' fragili. Dai dati dell'Unità complemento campagna vaccinale emerge che nella fascia 'over 80' sono state somministrate 899mila dosi su oltre 4,6 mln di candidabili, meno del 20%. Nella fascia 70-79 anni, il 2% degli immunocompromessi ha fatto la quarta dose; nella fascia 60-69 anni, solo l'1.1%. "Difficile far risalire ora questi numeri, visto che poi in autunno arriveranno i vaccini aggiornati", spiega all'Adnkronos Salute Antonello Maruotti, ordinario di Statistica dell'Università Lumsa e co-fondatore dello StatGroup19, gruppo interaccademico di studi statistici sulla pandemia di Covid-19.  

Il dato non incoraggiante sulle quarte dosi è confermato anche dall'ultimo report indipendente della Fondazione Gimbe. "Il tasso di copertura nazionale per le quarte dosi agli immunodepressi è del 42% con nette differenze regionali: dal 9,7% della Calabria al 100% del Piemonte". Osservando la tabella del report Gimbe si nota che in fondo alla classifica delle coperture della quarta dose ci sono la Calabria (9,7%), il Molise (9,9%), la Basilicata (12%). Mentre in testa oltre al Piemonte (100%), troviamo la Valle d'Aosta (86,3%), l'Emilia Romagna (81,2%) per poi scendere al 58,7% della Toscana. Il Lazio è al 38,7% e la Lombardia al 28%.  

"I dati che arrivano dagli studi sulle quarte dosi in Israele evidenziano che aumentano la protezione rispetto alla malattia grave ma non rispetto all'infezione - osserva Maruotti - C'è poi anche da evidenziate che se vediamo il rapporto tra il numero di ricoverati Covid e quello dei positivi questo dato è la metà di quello di tre mesi fa, quindi anche la severità della malattia sta diminuendo. Poi è chiaro che ci sono più accessi in ospedale perché abbiamo tanti, casi ma l'occupazione delle terapie intensive è molto simile allo scorso anno. Questi - conclude il docente - potrebbero essere alcuni dei motivi che hanno limitato l'adesione degli italiani che potevano fare la quarta dosi".  

 


Covid oggi Emilia, 4.070 contagi e 13 morti: bollettino 4 luglio

07/04/2022 05:27 PM

(Adnkronos) - Sono 4.070 i contagi da coronavirus in Emilia Romagna oggi, 4 luglio 2022, secondo numeri e dati covid del bollettino della regione. Registrati 13 morti. I nuovi casi sono stati individuati su 9.267 tamponi eseguiti nelle ultime 24 ore, di cui 4.247 molecolari e 5.020 ...

Leggi tutto

(Adnkronos) - Sono 4.070 i contagi da coronavirus in Emilia Romagna oggi, 4 luglio 2022, secondo numeri e dati covid del bollettino della regione. Registrati 13 morti. I nuovi casi sono stati individuati su 9.267 tamponi eseguiti nelle ultime 24 ore, di cui 4.247 molecolari e 5.020 test antigenici rapidi. Complessivamente, la percentuale dei nuovi positivi sul numero di tamponi fatti è del 43,9%. 

I pazienti attualmente ricoverati nelle terapie intensive dell’Emilia-Romagna sono 28 (+1 rispetto a ieri, pari al +3,7%), l’età media è di 66,9 anni. Per quanto riguarda i pazienti ricoverati negli altri reparti Covid, sono 1.130 (+67 rispetto a ieri, +6,3%), età media 74,4 anni. 

L’età media dei nuovi positivi di oggi è di 46,4 anni. I casi attivi, cioè i malati effettivi, sono 59.068 (+18). Di questi, le persone in isolamento a casa, ovvero quelle con sintomi lievi che non richiedono cure ospedaliere o risultano prive di sintomi, sono complessivamente 57.910 (-50), il 98% del totale dei casi attivi. Le persone complessivamente guarite sono 4.039 in più rispetto a ieri. 


Covid oggi Italia, 36.282 contagi e 59 morti: bollettino 4 luglio

07/04/2022 05:22 PM

(Adnkronos) - Sono 36.282 i nuovi contagi da Coronavirus in Italia oggi, 4 luglio 2022, secondo i dati e i numeri Covid - regione per regione - del bollettino della Protezione Civile e del ministero della Salute. Si registrano inoltre altri 59 morti. ...

Leggi tutto

(Adnkronos) - Sono 36.282 i nuovi contagi da Coronavirus in Italia oggi, 4 luglio 2022, secondo i dati e i numeri Covid - regione per regione - del bollettino della Protezione Civile e del ministero della Salute. Si registrano inoltre altri 59 morti. Sono 129.908 i tamponi processati, tra molecolari e antigenici, che fanno rilevare un tasso di positività al 27,9% (ieri 27,4%). In aumento i ricoveri con sintomi (+436 da ieri per un totale di 7.648) e le persone in terapia intensiva (+12 da ieri per un totale di 303).  

COVID ITALIA, BOLLETTINO DI OGGI REGIONE PER REGIONE 

LOMBARDIA - Sono 3.249 i nuovi contagi da coronavirus oggi 4 luglio 2022 in Lombardia, secondo dati e numeri dell'ultimo bollettino Covid-19 della Regione. Si registrano altri 4 decessi. I nuovi casi di positività a fronte di 14.230 tamponi effettuati, di cui è risultato positivo il 22,8%. In totale nella Regione 40.879 decessi da inizio pandemia. In terapia intensiva sono ricoverate 25 persone, una in più di ieri. Aumentano anche i pazienti nei reparti Covid ordinari, oggi 1.027, 25 più di 24 ore fa. 

LAZIO - Sono 4.777 i contagi da coronavirus nel Lazio oggi, 4 luglio 2022, secondo numeri e dati covid del bollettino della regione. Registrati 7 morti. A Roma, segnalati 2.954 nuovi casi. "Oggi nel Lazio, su 3.389 tamponi molecolari e 16.032 tamponi antigenici per un totale di 19.421 tamponi, si registrano 4.777 nuovi casi positivi (-3.896), sono 7 i decessi (+5), 699 i ricoverati (+27), 62 le terapie intensive (+4) e 4.514 i guariti. Il rapporto tra positivi e tamponi è al 24,5%. I casi a Roma città sono a quota 2.954", dice l'assessore alla Sanità della Regione Lazio, Alessio D'Amato.  

EMILIA ROMAGNA - Sono 4.070 i contagi da coronavirus in Emilia Romagna oggi, 4 luglio 2022, secondo numeri e dati covid del bollettino della regione. Registrati 13 morti. I nuovi casi sono stati individuati su 9.267 tamponi eseguiti nelle ultime 24 ore, di cui 4.247 molecolari e 5.020 test antigenici rapidi. Complessivamente, la percentuale dei nuovi positivi sul numero di tamponi fatti è del 43,9%. 

I pazienti attualmente ricoverati nelle terapie intensive dell’Emilia-Romagna sono 28 (+1 rispetto a ieri, pari al +3,7%), l’età media è di 66,9 anni. Per quanto riguarda i pazienti ricoverati negli altri reparti Covid, sono 1.130 (+67 rispetto a ieri, +6,3%), età media 74,4 anni. 

L’età media dei nuovi positivi di oggi è di 46,4 anni. I casi attivi, cioè i malati effettivi, sono 59.068 (+18). Di questi, le persone in isolamento a casa, ovvero quelle con sintomi lievi che non richiedono cure ospedaliere o risultano prive di sintomi, sono complessivamente 57.910 (-50), il 98% del totale dei casi attivi. Le persone complessivamente guarite sono 4.039 in più rispetto a ieri. 

PIEMONTE - Sono 1.903, di cui 1.819 positivi a test antigenico, i nuovi contagi da coronavirus in Piemonte oggi, 4 luglio 2022, secondo numeri e dati covid del bollettino della regione. Registrato un morto. I tamponi effettuati sono 12.510 di cui 12.091 test antigenici, il rapporto positivi/tamponi si attesta al 15,2%. I ricoveri ordinari sono 424 (+ 37 rispetto a ieri), quelli in terapia intensiva 10, invariati rispetto a ieri. 

TOSCANA - In Toscana sono 1.208 i nuovi contagi da coronavirus registrati oggi, 4 luglio, che portano il totale a 1.226.325 dall'inizio dell'emergenza Covid. Lo riferisce il bollettino della Regione. Oggi sono stati eseguiti 682 tamponi molecolari e 4.401 tamponi antigenici rapidi, di questi il 23,8% è risultato positivo. Sono invece 1.551 i soggetti testati oggi, di cui il 77,9% è risultato positivo.  

I ricoverati sono 574 (50 in più rispetto a ieri), di cui 20 in terapia intensiva (1 in meno). Sono quattro i nuovi decessi: 2 uomini e 2 donne con un'età media di 80,5 anni (1 a Firenze, 1 a Pistoia, 2 a Pisa).  

SARDEGNA - Sono 933 i contagi da coronavirus in Sardegna oggi, 4 luglio 2022, secondo numeri e dati del bollettino covid della regione. Non si registrano morti. Sono stati processati in totale, fra molecolari e antigenici, 2.079 tamponi. I pazienti ricoverati nei reparti di terapia intensiva sono 8 ( -1). I pazienti ricoverati in area medica sono 132 (+8). Sono 29.456 sono i casi di isolamento domiciliare (+140). 

ABRUZZO - Sono 1015 i nuovi contagi da coronavirus registrati oggi, 4 luglio, in Abruzzo, che portano il totale dall’inizio dell’emergenza – al netto dei riallineamenti – a 439400. Lo comunica il bollettino con i dati Covid della Regione. Il bilancio dei pazienti deceduti registra 4 nuovi casi (di età compresa tra 65 e 87 anni, 2 in provincia di Chieti, 1 in provincia dell’Aquila, 1 risalente ai giorni scorsi e comunicato solo oggi dalla Asl) e sale a 3387. 

Nel numero dei casi positivi sono compresi anche 402268 dimessi/guariti (+297 rispetto a ieri). Gli attualmente positivi in Abruzzo sono 33745 (+714 rispetto a ieri). Di questi, 174 pazienti (+14 rispetto a ieri) sono ricoverati in ospedale in area medica; 5 (-1 rispetto a ieri) in terapia intensiva, mentre i restanti sono in isolamento domiciliare. Nelle ultime 24 ore sono stati eseguiti 394 tamponi molecolari (2378479 in totale dall’inizio dell’emergenza) e 2506 test antigenici (3876558).Del totale dei casi positivi, 91627 sono residenti o domiciliati in provincia dell’Aquila (+139 rispetto a ieri), 125159 in provincia di Chieti (+325), 101646 in provincia di Pescara (+254), 107420 in provincia di Teramo (+242), 8713 fuori regione (+27) e 4835 (+28) per i quali sono in corso verifiche sulla provenienza. 

CALABRIA - Sono 1.456 i nuovi contagi registrati oggi, 4 luglio, in Calabria su 4.356 tamponi effettuati. Secondo il bollettino sull’emergenza Covid-19 diffusi dal dipartimento Tutela della salute della Regione ci sono +396 guariti e 3 morti (per un totale di 2.686 decessi). Il bollettino, inoltre, registra +1.057 attualmente positivi, +22 ricoveri (per un totale di 233) e, infine, terapie intensive stabili (per un totale di 7).  

 

 


Covid oggi Piemonte, 1.903 contagi e 1 morto: bollettino 4 luglio

07/04/2022 05:21 PM

(Adnkronos) - Sono 1.903, di cui 1.819 positivi a test antigenico, i nuovi contagi da coronavirus in Piemonte oggi, 4 luglio 2022, secondo numeri e dati covid del bollettino della regione. Registrato un morto. I tamponi effettuati sono 12.510 di cui 12.091 test antigenici, il ...

Leggi tutto

(Adnkronos) - Sono 1.903, di cui 1.819 positivi a test antigenico, i nuovi contagi da coronavirus in Piemonte oggi, 4 luglio 2022, secondo numeri e dati covid del bollettino della regione. Registrato un morto. I tamponi effettuati sono 12.510 di cui 12.091 test antigenici, il rapporto positivi/tamponi si attesta al 15,2%. I ricoveri ordinari sono 424 (+ 37 rispetto a ieri), quelli in terapia intensiva 10, invariati rispetto a ieri. 

 


Crollo Marmolada, il selfie di una delle vittime prima della valanga

07/04/2022 05:10 PM

(Adnkronos) - Un selfie per dire al fratello e ai familiari dove si trovava. Poi il crollo del seracco sulla vetta della Marmolada. Filippo Bari, 27enne vicentino, sarebbe tra le vittime del disastro del ghiacciaio. "Filippo è scivolato via, la ...

Leggi tutto

(Adnkronos) - Un selfie per dire al fratello e ai familiari dove si trovava. Poi il crollo del seracco sulla vetta della Marmolada. Filippo Bari, 27enne vicentino, sarebbe tra le vittime del disastro del ghiacciaio. "Filippo è scivolato via, la grande Marmolada se l'è voluto tenere con sé. Isola Vicentina si stringe attorno a mamma Emanuela, papà Beppe, all'amato fratello Andrea, alla compagna, al figlio e alla famiglia tutta", ha scritto su Facebook il sindaco Francesco Gonzo sindaco postando la foto che il giovane ha fatto poco prima della tragedia. 


Covid e i "messaggi positivi", Burioni replica a Costa

07/04/2022 05:04 PM

(Adnkronos) - Il sottosegretario alla Salute Andrea "Costa ha ragione nel dire che nessuno è in grado di prevedere quello che accadrà in autunno" sul fronte Covid in Italia, con i contagi da coronavirus in aumento e la corsa di ...

Leggi tutto

(Adnkronos) - Il sottosegretario alla Salute Andrea "Costa ha ragione nel dire che nessuno è in grado di prevedere quello che accadrà in autunno" sul fronte Covid in Italia, con i contagi da coronavirus in aumento e la corsa di Omicron 5, "ma per lo stesso motivo non si comprende su quali basi si possano fornire i messaggi 'positivi e rassicuranti' di cui afferma esserci bisogno. Dovrebbe spiegarcelo". Sono le parole del virologo Roberto Burioni, che in un tweet commenta una dichiarazione di Costa su quello che ci aspetta nei prossimi mesi.  

Assicurando che non c'è nessuna misura restrittiva sul tavolo del governo in questo momento, il sottosegretario ha infatti evidenziato che "è sbagliato dire che sarà autunno catastrofico" e che gli "italiani hanno bisogno di messaggi positivi e rassicuranti". Passaggio, quest'ultimo, che ha suscitato l'obiezione di Burioni. 


Ucraina, l'allarme del ministro della Cultura: "La Russia sta rubando i nostri capolavori"

07/04/2022 04:58 PM

(Adnkronos) - "Abbiamo dati verificati secondo cui dai territori occupati, da città come Mariupol o Melitopol, i russi stanno portando via i nostri capolavori". A lanciare l'allarme, tramite un'intervista esclusiva con l'Adnkronos, è il ministro della Cultura ucraino Oleksandr Tkachenko: "...

Leggi tutto

(Adnkronos) - "Abbiamo dati verificati secondo cui dai territori occupati, da città come Mariupol o Melitopol, i russi stanno portando via i nostri capolavori". A lanciare l'allarme, tramite un'intervista esclusiva con l'Adnkronos, è il ministro della Cultura ucraino Oleksandr Tkachenko: "La Russia ha dichiarato guerra non solo sul territorio, ma anche alla cultura ucraina -avverte- vogliono cancellare cultura e patrimonio artistico del nostro Paese". Il ministro cita alcuni dati in suo possesso: "Ad oggi, secondo le informazioni verificate di questo ministero, sono già all'incirca 400 i beni culturali danneggiati o distrutti dai russi dall'inizio della guerra. Questo è avvenuto su tutta la linea del fronte: dal Donetsk al Luhansk, si rilevano casi di distruzione e danneggiamento ovunque ci sia stata l'occupazione da parte del nemico".  

Di questi 400, "più di 150 sono Chiese o istituti religiosi", spiega il ministro. Che rivela all'Adnkronos: "Sappiamo inoltre che due musei sono stati distrutti intenzionalmente: un museo della regione Kiev che conteneva i quadri di una nota pittrice ucraina, Maria Prymachenko dove per fortuna le opere sono state salvate, e il museo Hryhorii Skovoroda, del quale quest'anno avremmo festeggiato 300 anni dalla sua nascita. Sul primo sono caduti quattro razzi, sul secondo due". "Come sappiamo che la distruzione è stata intenzionale? Entrambi si trovano in due piccoli paesi, ed è impossibile sbagliare obiettivo perché si trovano lontano dai grossi centri abitati". 

Sorprendentemente, "sono stati danneggiati anche molti monumenti ai soldati sovietici -racconta il ministro della Cultura- Non ho dati precisi e non so se sia stato intenzionale ma, a mio avviso, questa è la dimostrazione che i discorsi della Russia sulla loro storia durante la Seconda Guerra mondiale siano solo propaganda. Non gli interessa nemmeno di questo, le loro dichiarazioni non vanno di pari passo con le loro azioni". L'appello di Tkachenko è dunque all'Occidente: "A noi serve aiuto in tre direzioni: innanzitutto finanziario, poi un aiuto agli artisti indipendenti che ci sono in Ucraina, e infine l'aiuto per poter conservare e restaurare i nostri beni culturali". Al momento, "alcuni teatri, musei e cinema stanno lentamente riaprendo, qualcuno pian piano sta ricominciando a visitarli. Ma è importante sostenere i media ucraini, perché dall'inizio della guerra abbiamo assistito al calo pubblicitario del 97%, ed è dunque crollato il loro sostentamento". 

Russia e Ucraina 'sorelle' dal punto di vista culturale? "Parlare delle stesse radici è quantomeno un'esagerazione -puntualizza all'Adnkronos il ministro della Cultura ucraino- La storia dell'Ucraina e della Russia è ben diversa. Sono cresciute su terreni diversi, hanno tradizioni diverse. L'Ucraina si basa su principi democratici". Il Paese "ha molto più in comune con i polacchi e i lituani che con i russi -affonda Tkachenko- La musica è più vicina all'Europa che alla Russia. Dai tempi dell'impero russo degli zar, loro hanno sempre cercato di distruggere la nostra cultura e imporre la loro, a partire dalla lingua".  

Proprio in questi giorni, l'Unesco ha dichiarato patrimonio dell'Umanità la preparazione di un piatto tipico, il Borscht, scatenando le ire della Russia. "L'hanno visto come un gesto di estremismo o di nazismo -dice Tkachenko- C'è stata un'isteria in merito, hanno detto che in alcun modo si può dichiarare piatto ucraino. Ma ci sono piatti tipici russi che noi non ci sognamo di dichiarare ucraini. Abbiamo faldoni e dossier che portano le prove, loro perché non hanno lo stesso? Nessuno si chiede di chi sia la pizza: il Borscht lasciatelo agli ucraini", aggiunge. 

Infine, un'osservazione sulla 'russofobia' nei confronti degli artisti e degli intellettuali russi che sembra aver colpito una parte dell'Occidente: "Io ritengo che in questo momento non si debba dare spazio ad intellettuali russi che, in qualche modo, portano avanti la propaganda russa. E poi, vanno pure in vacanza in Italia o in Francia a fare le loro esibizioni: perché non fanno i concerti nella remota Siberia, portando lì le loro matrioske?", conclude. 


Valanga Marmolada, Zaia: "Crollo grande come 2 campi da calcio" - Video

07/04/2022 04:53 PM

(Adnkronos) - Nel crollo sulla Marmolada "si è staccato un blocco di detriti e ghiaccio lungo 200 metri, largo 60 metri e spesso 30 metri. Un paio di campi da calcio spessi 30 metri...". Il governatore del Veneto, Luca Zaia, descrive così la valanga ...

Leggi tutto

(Adnkronos) - Nel crollo sulla Marmolada "si è staccato un blocco di detriti e ghiaccio lungo 200 metri, largo 60 metri e spesso 30 metri. Un paio di campi da calcio spessi 30 metri...". Il governatore del Veneto, Luca Zaia, descrive così la valanga avvenuta ieri sulla Marmolada. (immagini raiplay.it) 


Maxi incendio a Roma Nord, nube sulla città - Video

07/04/2022 04:49 PM

(Adnkronos) - Un maxi incendio a Roma Norda. Nelle immagini, l’enorme rogo divampato intorno alle 14 al parco del Pineto in via della Pineta Sacchetti, e propagatosi poi a Valle Aurelia. Dal video, inviato all’Adnkronos da un cittadino ...

Leggi tutto

(Adnkronos) - Un maxi incendio a Roma Norda. Nelle immagini, l’enorme rogo divampato intorno alle 14 al parco del Pineto in via della Pineta Sacchetti, e propagatosi poi a Valle Aurelia. Dal video, inviato all’Adnkronos da un cittadino che abita a Monte Mario, si ha l’esatta percezione della vastità dell’incendio che, dopo quattro ore, i vigili del fuoco ancora faticano a domare. 


Napoli: bilancio positivo per Artis Suavitas Civitas a Palazzo Reale, circa 2.000 presenze

07/04/2022 04:47 PM

(Adnkronos) - Nemmeno il caldo soffocante degli ultimi giorni ha fermato la voglia di arte e di cultura di circa 2.000 persone che, tra il 28 e il 30 giugno, hanno assistito agli eventi gratuiti previsti dal cartellone di Artis Suavitas Civitas, ...

Leggi tutto

(Adnkronos) - Nemmeno il caldo soffocante degli ultimi giorni ha fermato la voglia di arte e di cultura di circa 2.000 persone che, tra il 28 e il 30 giugno, hanno assistito agli eventi gratuiti previsti dal cartellone di Artis Suavitas Civitas, consentendo agli organizzatori di raggiungere l’ambizioso obiettivo originario di favorire il dialogo intergenerazionale su tematiche di attualità come le nuove modalità di fruizione dei musei, la sostenibilità ambientale, la storia di Napoli attraverso le opere della pittura napoletana dell’Ottocento, l’alta moda con il docufilm sulla maison E. Marinella, il cinema con la presentazione del libro sulla vita di Monica Vitti, il cibo tra identità e cultura e, dulcis in fundo, l’incontro con personaggi di prestigio internazionale nel corso della cerimonia ufficiale di premiazione.  

Tutto questo è stato Artis Suavitas Civitas, il progetto culturale ideato e organizzato dall’Associazione Artis Suavitas Aps, presieduta dall’Avv. Antonio Larizza, con il Patrocinio del Ministero della Cultura, della Regione Campania, della Città Metropolitana di Napoli, del Comune di Napoli, dell’Università degli Studi di Napoli “Federico II”, di RAI – Campania e del Palazzo Reale di Napoli. 

“Abbiamo scelto il Palazzo Reale di Napoli -dichiara l’avvocato Antonio Larizza, presidente dell’Associazione Artis Suavitas Aps- come location della nostra kermesse in quanto rappresenta un fiore all’occhiello di quell’inestimabile patrimonio artistico e culturale di cui la regione Campania è notevolmente dotata, contribuendo così alla promozione e valorizzazione di un sito di grande pregio storico e architettonico. In relazione ai premiati, desidero ringraziare il Comitato Scientifico per aver individuato quelle eccellenze internazionali che con le loro qualità contribuiscono quotidianamente alla diffusione delle arti, della cultura e del sapere in diversi ambiti, ovunque nel mondo”. 

La cerimonia di consegna dei Premi Artis Suavitas 2022, magistralmente condotta da Veronica Maya, ha regalato emozioni uniche agli spettatori presenti nel Teatro di Corte di Palazzo Reale, sul cui palco, nel corso della serata di giovedì 30 giugno, si sono alternati per ritirare “L’Albero della Cultura”: Piero Angela (giornalista e divulgatore scientifico); Pupi Avati (regista); Diego De Silva (scrittore); Laura Delli Colli (giornalista e scrittrice; Oscar Farinetti (imprenditore); Massimiliano Gallo (attore e regista); Hauser (musicista); Alessio Lapice (attore); Milot (pittore e scultore); Michelangelo Pistoletto (pittore e scultore); Liu Ruowang (pittore e scultore); Maya Talem (attrice e modella). 

Durante il gran galà di premiazione, lo scrittore Maurizio de Giovanni, accompagnato dalla chitarra del M° Antonio Saturno, è stato protagonista di uno struggente ed emozionante monologo dedicato al paroliere e poeta Vincenzo Russo, autore dei versi di I' te vurria vasà; 'A serenata d' 'e rose; Maria Marì; Canzona bella; Nuttata a mare; Torna Maggio e L'urdema canzone mia (Tutt'è fernuto). Maurizio de Giovanni sul palco del Teatro di Corte di Palazzo Reale ha fatto comprendere al pubblico in sala come Vincenzo Russo, pur senza ricevere un’istruzione regolare, rappresenti tuttora oggi un simbolo di eccellenza nel mondo delle arti e della cultura. A chiudere l’edizione di Artis Suavitas Civitas 2022 sul palco del Teatro di Corte di Palazzo Reale di Napoli, il musicista di fama internazionale Hauser che, nel ritirare il premio dalle mani del Presidente Antonio Larizza, ha incantato il pubblico con il suo violoncello. 

Durante la cerimonia giovedì scorso è stato premiato anche il dott. Luca Orlando, in qualità di vincitore del bando dedicato al laureato più meritevole nel corso dell'Anno Accademico di riferimento, il quale, in base a quanto stabilito dal Comitato Scientifico del Premio Artis Suavitas, avrà diritto ad una Borsa di Studio di euro 3.000,00 per accedere ad un Master di Secondo Livello presso una delle Università presenti sul territorio regionale della Campania. 

Il Comitato Scientifico del Premio Artis Suavitas è composto dal Magistrato Nicola Graziano (Presidente); dallo Scrittore Maurizio de Giovanni e dal Vice Direttore della Tgr Rai Nazionale Antonello Paolo Perillo. 

La scultura del Premio consegnato alle eccellenze internazionali è stata realizzata dall'Artista Cettina Prezioso, in collaborazione con Anna Napolitano, essa rappresenta l'Albero della Cultura, raffigurante una persona che legge prendendo linfa vitale dai valori sociali della propria terra, valori fondamentali per chi è ben radicato nel suo ambito sociale, saperi degni di essere appresi e trasmessi alle generazioni successive. Il perpetuarsi, la ciclicità di questi valori viene dimostrata nell'opera dalle radici dell'albero che affondano in una ruota, simbolo di rinnovamento e dello scorrere inesorabile del tempo. 

Un main sponsor d’eccezione: IW Private Investments (Gruppo Intesa Sanpaolo). Main sponsor di Artis Suavitas Civitas è IW Private Investments (Gruppo Intesa SanPaolo). Inoltre, altri autorevoli e prestigiosi brand hanno affiancato e supportato l’organizzazione di Artis Suavitas Civitas: Mondadori Retail SpA, Nuova Erreplast, Gruppo Marican, Vega Luxury, Vega Food, Pepsi, Lay’s, Chin8 Neri, E.Marinella, Consorzio di Tutela della Ricotta di Bufala Campana Dop, Olio&Basilico di Giacomo Garau, Minichini Eventi, Azienda Sodano, il Moera, Tralci Hirpini e Gruppo Mac. 


Covid oggi Lazio, 4.777 contagi e 7 morti. A Roma 2.954 casi

07/04/2022 04:29 PM

(Adnkronos) - Sono 4.777 i contagi da coronavirus nel Lazio oggi, 4 luglio 2022, secondo numeri e dati covid del bollettino della regione. Registrati 7 morti. A Roma, segnalati 2.954 nuovi casi. 

"Oggi nel Lazio, su 3.389 tamponi molecolari e 16.032 tamponi antigenici per ...

Leggi tutto

(Adnkronos) - Sono 4.777 i contagi da coronavirus nel Lazio oggi, 4 luglio 2022, secondo numeri e dati covid del bollettino della regione. Registrati 7 morti. A Roma, segnalati 2.954 nuovi casi. 

"Oggi nel Lazio, su 3.389 tamponi molecolari e 16.032 tamponi antigenici per un totale di 19.421 tamponi, si registrano 4.777 nuovi casi positivi (-3.896), sono 7 i decessi (+5), 699 i ricoverati (+27), 62 le terapie intensive (+4) e 4.514 i guariti. Il rapporto tra positivi e tamponi è al 24,5%. I casi a Roma città sono a quota 2.954", dice l'assessore alla Sanità della Regione Lazio, Alessio D'Amato.  

Nel dettaglio, questa la situazione nelle ultime 24 ore. Asl Roma 1: sono 1.209 i nuovi casi e 0 i decessi. Asl Roma 2: sono 851 i nuovi casi e 2 i decessi. Asl Roma 3: sono 894 i nuovi casi e 1 decesso. Asl Roma 4: sono 200 i nuovi casi e 0 i decessi. Asl Roma 5: sono 405 i nuovi casi e 1 decesso. Asl Roma 6: sono 465 i nuovi casi e 2 i decessi. 

Nelle province si registrano 753 nuovi casi nelle ultime 24 ore. Asl di Frosinone: sono 140 i nuovi casi e 0 i decessi. Asl di Latina: sono 424 i nuovi casi e 0 i decessi. Asl di Rieti: sono 128 i nuovi casi e 0 i decessi. Asl di Viterbo: sono 61 i nuovi casi e 1 decesso. 


A Roma distruggono con gli skateboard nuova area pedonale

07/04/2022 04:20 PM

(Adnkronos) - La bella notizia corre rapida, sui social, alla velocità della luce: a Roma esiste un posto meraviglioso, forse unico, nuovissimo e immacolato, dove l’asfalto è liscio e le panche sono di marmo lucido e levigato. E non ...

Leggi tutto

(Adnkronos) - La bella notizia corre rapida, sui social, alla velocità della luce: a Roma esiste un posto meraviglioso, forse unico, nuovissimo e immacolato, dove l’asfalto è liscio e le panche sono di marmo lucido e levigato. E non importa che in questo weekend si siano sfiorati i 40 gradi, l’occasione è troppo ghiotta per farsela sfuggire. Così molti giovani che hanno partecipato al World Street Skateboarding Rome 2022 hanno preso il loro monopattino e si sono precipitati nella nuova area pedonale di via Puglie, inaugurata nemmeno un mese fa fra le due scuole Regina Elena e Buonarroti, e si sono esibiti con le tavole in un post evento simil sportivo, dopo le gare ufficiali della scorsa settimana al Colle Oppio, in acrobazie che di 'virtuoso' - hanno detto all'Adnkronos i residenti indignati - hanno avuto soltanto il fatto di danneggiare, probabilmente una volta per tutte, le panche di marmo che fino a un minuto prima brillavano al sole.  

"Saranno stati ragazzi di nemmeno 18 anni, quelli che ieri e il giorno prima si divertivano in via Puglie e che provenivano dalla Gran Bretagna e dai Paesi Bassi. Di fronte all’arrivo della Polizia Municipale hanno mostrato lo stupore di chi è abituato diversamente, perché nei loro Paesi tutto ciò che hanno fatto 'è consueto', come hanno spiegato", hanno raccontato alcuni cittadini del quartiere. "Evidentemente, da loro è normale danneggiare il marmo delle panche appena inaugurate e che in teoria servirebbero ad abbellire un’area riservata agli studenti all’entrata e all’uscita di scuola", ha commentato un passante che si è fermato a osservare la scena dell'intervento della Polizia Municipale, evidentemente chiamata da qualche residente.  

"Ma se ciò che hanno fatto è 'normale' come dicono - ha aggiunto - perché allora molti di loro se la sono data a gambe levate appena sono arrivati i vigili? Perché non hanno esibito loro subito i documenti quando glieli hanno chiesti? Perché si sono rifiutati di aprire i propri zaini? Perché chi ha detto di non avere appresso il passaporto non ha voluto andare assieme alle guardie a prenderlo in albergo?".  

Si diceva della rapidità con la quale si diffondono certe belle notizie, ma si dovrebbe parlare - come ha fatto notare un altro testimone - anche della velocità con la quale "alcuni giovani stranieri si adattano al permissivismo che c’è qui da noi e che dalle loro parti probabilmente è invece meno riscontrabile. Questa forma di adattamento immediato ai nostri usi e costumi - ha spiegato - si nota nell'atteggiamento totalmente disinvolto di chi dice 'no' a una richiesta di un pubblico ufficiale, con una naturalezza che lascia sconcertati". Così come fa restare senza parole, dalla parte opposta, ha rilevato lo stesso cittadino, "la mancanza di mezzi di chi interviene per fermare uno scempio: i vigili hanno le mani legate, non spiccicano una parola di inglese, non riescono neanche a chiedere un documento, non possono intervenire tempestivamente". Questo, ha spiegato la Polizia Municipale, "perché la città è al momento piena di altri problemi a cui fare fronte, non ultimi gli incendi". E poi i numeri, ha voluto sottolineare il passante: "Due agenti per fermare chi corre di qua e chi di là, valli a ritrovare quelli che si sono allontanati. Si fermano soltanto coloro che restano, chi è titubante e non ha preso il 'fugone'".  

“Per scoprire chi sono i responsabili dei danni, dobbiamo identificare chi li ha compiuti materialmente”, hanno affermato i vigili, sottolineando che la flagranza di reato è una cosa "estremamente precisa" e che non bastano video che ritraggono generalmente ragazzi che scivolano con i loro skateboard: “Siamo sicuri che sono stati quelli di oggi? Oppure sono stati i ragazzi di ieri?”. “Intanto ci sono quelli di oggi”, ha osservato il cittadino, “poi si cercheranno anche gli altri, ma sarebbe giusto che per il momento un’indagine fosse avviata, e che qualcuno pagasse: se non si comincia a ragionare in questo modo, saremo sempre in ritardo, saremo costretti tutte le volte a rincorrere, e non riusciremo mai a ottenere ragione e a far ritornare la nostra strada nuova come prima. Una cosa è certa - ha concluso - Per ora, e chissà per quanto tempo, ci terremo i cocci, ciò che resta dello scempio che hanno compiuto".  

(di Cristiano Camera)  


Crollo Marmolada, Draghi: "Provvedimenti affinché non accada mai più"

07/04/2022 04:14 PM

(Adnkronos) - "L'Italia oggi piange le vittime" della tragedia del crollo sul ghiacciaio della Marmolada, una valanga che ha provocato 7 morti e 14 dispersi, "e il governo deve riflettere su quanto accaduto e prendere dei provvedimenti affinché quanto" successo ieri "...

Leggi tutto

(Adnkronos) - "L'Italia oggi piange le vittime" della tragedia del crollo sul ghiacciaio della Marmolada, una valanga che ha provocato 7 morti e 14 dispersi, "e il governo deve riflettere su quanto accaduto e prendere dei provvedimenti affinché quanto" successo ieri "abbia una probabilità bassissima di succedere o possa essere addirittura evitato". Così il premier Mario Draghi, durante un punto stampa a Canazei con le autorità locali. 

“Questo è un dramma che certamente ha dell’imprevedibilità, ma certamente dipende dal deterioramento dell’ambiente e della situazione climatica” ha sottolineato il presidente del Consiglio. 

"Oggi sono qui per rendermi conto di persona di quel che è successo e vi assicuro che è molto inquietante. Abbiamo fatto un punto tecnico operativo con tutti quelli che hanno collaborato alle operazioni, ma soprattutto sono qui per esprimere la più sincera, affettuosa e accorata vicinanza alle famiglie delle vittime, dei dispersi e dei feriti, e alle comunità colpite da questa tragedia" ha detto Draghi. 

Il premier ha voluto "ringraziare tutti coloro che hanno lavorato in questo giorno e mezzo: la Protezione civile, i Vigili del Fuoco, il Soccorso alpino, le autorità sanitarie e i volontari, ringraziarli tutti per la loro generosità, la loro professionalità e il loro coraggio, perché come sapete queste operazioni si svolgono in una situazione di grande pericolo".  

Il presidente della provincia di Trento, Maurizio Fugatti, ha ringraziato il "presidente Draghi per la presenza qui oggi al Canazei, è un grande segnale di vicinanza al territorio colpito da questa tragedia. Il suo è un grande segnale di umanità e attaccamento al territorio. Abbiamo incontrato poco fa i famigliari delle persone colpite. Stamani mi ha chiamato il presidente della Repubblica manifestando la propria vicinanza e il proprio cordoglio. Il presidente della Repubblica mi ha incaricato di ringraziare tutte le donne e tutti gli uomini che hanno aiutato e sono intervenuti tempestivamente. Il senso di dolore è tanto e molto profondo".  

"Volevo ringraziare il presidente Draghi per essere qui oggi - ha detto in conferenza stampa il presidente del Veneto, Luca Zaia - Siamo reduci da un incontro con i famigliari, è stato un momento toccante. Sono coloro che aspettano notizie su coloro che non sono ancora tornati a casa". Zaia ha ringraziato quanti stanno lavorando nelle ricerche: "Si è staccato un blocco di detriti e ghiaccio lungo 200 metri, largo 60 metri e spesso 30. Le ricerche le dobbiamo ai famigliari, andremo avanti fino all'estremo". 


Il sondaggio, 89% italiani conosce farmaci generici e 90% si fida del farmacista

07/04/2022 04:09 PM

(Adnkronos) - L'89% degli italiani conosce i farmaci generici o equivalenti, i medicinali che, rispetto a quelli 'di marca' (branded), presentano lo stesso principio attivo, la stessa forma farmaceutica, lo stesso dosaggio e la stessa via di somministrazione e ...

Leggi tutto

(Adnkronos) - L'89% degli italiani conosce i farmaci generici o equivalenti, i medicinali che, rispetto a quelli 'di marca' (branded), presentano lo stesso principio attivo, la stessa forma farmaceutica, lo stesso dosaggio e la stessa via di somministrazione e sono paragonabili ad essi per medesima qualità, sicurezza ed efficacia. Quasi la metà ha sentito parlare dei generici proprio dal farmacista, il 39% dal medico. Un quarto ne ha esperienza diretta perchè li utilizza, e quasi l’80% degli intervistati dice di aver assunto un equivalente nell’ultimo anno. Sono i dati principali emersi dal sondaggio “I farmaci generici e il ruolo del farmacista” di Emg Different, realizzato tra il 13 e il 16 maggio scorsi con 800 interviste su un campione rappresentativo della popolazione italiana maggiorenne. 

A questi temi, e alle motivazioni che guidano la scelta del farmaco generico, è dedicato il talk di approfondimento “Scelte di salute. Farmaci generici: una scelta di valore in farmacia”, che sarà trasmesso in diretta streaming il 13 luglio alle 17.45 sui canali web di AdnKronos e nel profilo Youtube AdnKronos (youtube.com/adnkronos). Incuriosisce che, nonostante l’ampia e diffusa conoscenza emersa chiaramente dal sondaggio, più del 70% degli italiani intervistati vorrebbe una campagna informativa sui medicinali equivalenti da figure ed enti istituzionali: medici (43%), Agenzia del farmaco (37%) o Agenzie sanitarie (36%). L'indagine conferma inoltre il ruolo chiave del farmacista nella scelta delle cure. Questi professionisti godono della fiducia degli italiani (90%) e 1 su 5 ne ha molta, tanto che il 60% dichiara di avere una farmacia di riferimento. Il motivo di tale successo? Preparazione e buoni consigli, come afferma circa la metà del campione. 

Si nota però che solo 1 intervistato su 5 (19%) si ricorda che il farmacista ha proposto un equivalente. Tale consiglio è accettato dall’84% degli italiani, la metà chiede qualche spiegazione, ma nella pratica 1 su 3 accetta sulla fiducia. A partire da questi dati si confronteranno, in un dialogo di approfondimento, vari esperti del mondo della salute nel webinar promosso da Sandoz. 


Covid oggi Campania, De Luca: "Posti letto occupati, rischiamo ecatombe"

07/04/2022 04:04 PM

(Adnkronos) - "Abbiamo già i posti letto Covid tutti occupati. Serve rigore o rischiamo un'ecatombe". Lo ha detto il presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca, intervenuto alla presentazione del servizio di Psicologia di base del servizio sanitario regionale.  Leggi tutto

(Adnkronos) - "Abbiamo già i posti letto Covid tutti occupati. Serve rigore o rischiamo un'ecatombe". Lo ha detto il presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca, intervenuto alla presentazione del servizio di Psicologia di base del servizio sanitario regionale. 

"In queste settimane -dice riferendosi all'epidemia covid- abbiamo avuto manifestazioni, spettacoli con decine di migliaia di persone. C'è stata una banalizzazione del problema Covid, si è detto che tanto è un'influenza, è un raffreddore, ma abbiamo già i posti letto Covid tutti occupati".  

De Luca ricorda che rispetto allo scorso anno "i numeri si sono moltiplicati per 10. Siamo passati dai 120 positivi al giorno di fine giugno 2021 ai 10.500 di oggi, e la cifra è sottodimensionata perché abbiamo migliaia di persone asintomatiche o magari, avendo un po' di mal di gola, decidono di andare in giro comunque. Il virus sarà pure meno aggressivo dal punto di vista della ricaduta sanitaria, ma intanto abbiamo già i posti letto Covid tutti occupati".  

"Avremo un picco di contagi già a fine luglio, ma stiamo lavorando oggi prima di andare in ferie per avere i programmi organizzativi delle nostre Asl per settembre, per ottobre. Su questo saremo tedeschi: dobbiamo avere una nostra organizzazione, altrimenti tra 10mila dipendenti in meno nella sanità regionale e il tasso di congestione urbana che abbiamo nell'area vesuviana rischiamo veramente un'ecatombe", afferma. "Dobbiamo essere più rigorosi degli altri, se vogliamo salvarci", dice ancora De Luca. 


Ucraina, Zelensky: "Russia ha scelto la guerra, noi non possiamo arrenderci"

07/04/2022 03:40 PM

(Adnkronos) - “Non possiamo arrenderci, pena la nostra scomparsa, come Stato, come nazione, come persone". A dirlo oggi il presidente ucraino Volodymyr Zelensky, in collegamento video con la comunità universitaria giapponese, rilanciato da Ukrinform. "La Russia ha scelto la ...

Leggi tutto

(Adnkronos) - “Non possiamo arrenderci, pena la nostra scomparsa, come Stato, come nazione, come persone". A dirlo oggi il presidente ucraino Volodymyr Zelensky, in collegamento video con la comunità universitaria giapponese, rilanciato da Ukrinform. "La Russia ha scelto la strada della guerra, l'Ucraina quella della pace. La Russia spara per distruggere, l'Ucraina spara per sopravvivere. La guerra è l'idea nazionale della Russia, quell'Ucraina è la pace", ha sottolineato. 

In questi quattro mesi, ha proseguito, si continua a parlare di "guerra in Ucraina", ma così si rischia di distorcere la percezione di quanto accade. "Questa è una guerra in Ucraina - ha puntualizzato - iniziata dalla Federazione russa, che la Federazione russa prosegue e non vuole fermare. L'Ucraina difende la sua terra e l sua sovranità". 


Roma, incendio in zona Pineta Sacchetti: coinvolto centro sportivo

07/04/2022 03:30 PM

(Adnkronos) - Un vasto incendio si è sviluppato in via della Pineta Sacchetti, entrata parco del Pineto, dove sono intervenute, dalle 14 circa, tre squadre vigili del fuoco del Comando di Roma con l'ausilio di un'autobotte, e un elicottero.  

...

Leggi tutto

(Adnkronos) - Un vasto incendio si è sviluppato in via della Pineta Sacchetti, entrata parco del Pineto, dove sono intervenute, dalle 14 circa, tre squadre vigili del fuoco del Comando di Roma con l'ausilio di un'autobotte, e un elicottero.  

Le fiamme, che hanno per ora interessato 5 ettari di sterpaglie, hanno raggiunto il centro sportivo Vis Aurelia danneggiando momentaneamente alcune strutture in legno e il circolo 'The Fox' in Via Ettore Stampini dove sono stati evacuati alcuni bambini a causa del denso fumo visibile a km di distanza.. A scopo precauzionale sono state evacuate anche 2 abitazioni. 


Gina Lollobrigida compie 95 anni, omaggio con il Nastro d'Argento alla Carriera

07/04/2022 03:20 PM

(Adnkronos) - Gina Lollobrigida compie 95 anni e i Giornalisti Cinematografici la omaggiano con il prestigioso Nastro d'Argento alla Carriera 2022. Lo annuncia il Direttivo Nazionale del Premio che fa gli auguri alla mitica Gina, ai "suoi magnifici 95 anni e insieme ...

Leggi tutto

(Adnkronos) - Gina Lollobrigida compie 95 anni e i Giornalisti Cinematografici la omaggiano con il prestigioso Nastro d'Argento alla Carriera 2022. Lo annuncia il Direttivo Nazionale del Premio che fa gli auguri alla mitica Gina, ai "suoi magnifici 95 anni e insieme ad una splendida carriera iniziata sul set nel 1946, lo stesso anno in cui sono nati a Roma i Nastri d’Argento". L'Sngci d’intesa con il MiC - Direzione Generale per il Cinema, le consegnerà il Premio nel corso di un evento istituzionale a Cinecittà, non a caso il luogo più iconico che da sempre sigla la presenza del cinema italiano nel mondo e che, ancora di più in questa nuova stagione, unisce la memoria di un glorioso passato al progetto di rilancio anche internazionale dei suoi Studios. 

“Gina Lollobrigida è un’icona del cinema italiano e un’attrice che come poche ha avuto e continua ad avere un’immagine e una popolarità internazionale - spiega a nome del Direttivo Nazionale dei Giornalisti Cinematografici la Presidente, Laura Delli Colli - Premiarla alla carriera è il miglior omaggio per dirle oggi buon compleanno e per festeggiare, insieme, un successo che proprio la stampa specializzata ha sottolineato con i primi riconoscimenti, segnalandola subito come una giovanissima attrice che avrebbe fatto molta strada”. Così è accaduto da quando la sua avventura è iniziata, dopo la passerella di Miss Italia, con le gonne corte e le treccine della ‘Bersagliera’ di Pane amore e fantasia accanto a Vittorio De Sica, diretta da Luigi Comencini. 

Gina attrice, ma anche artista e fotografa battezzata anche nel mondo semplicemente ‘Lollo’. Dopo l’esordio da popolana ruvida ma bellissima e generosa è stata diretta tra gli altri anche da Mario Soldati, Luigi Zampa, Mauro Bolognini e subito richiesta a Hollywood dove nel 1953 apparve con Humphrey Bogart ne 'Il tesoro dell'Africa' di John Huston. A quel film seguirono, tra gli altri, 'Sacro e profano' (1959) di John Sturges con Frank Sinatra e nel 1964 'La donna di paglia' con Sean Connery. Premiata con il Golden Globe nel 1961 per 'Torna a Settembre' di Robert Mulligan con Rock Hudson, ha vinto sette volte il David di Donatello ed è entrata nella cronaca, a parte le tumultuose vicende subite negli ultimi anni, per uno scoop eccezionale come la memorabile intervista a Fidel Castro.  

Nel 2018, in occasione del Festival Filming Italy, Hollywood si è inchinata ancora una volta alla popolarità dell’attrice che passerà alla storia con il titolo del film in cui portò in scena la storia di Lina Cavalieri: a Gina, la "donna più bella del mondo", la Walk of Fame ha dedicato un’ambitissima stella, accolta con grande emozione ma anche con la sua inconfondibile verve. In ginocchio, la Lollo ha baciato la stella commentando così un momento storico anche per il cinema italiano: "Sono stata viziata da Hollywood che mi ha trattato come una regina”. E non lo ha mai dimenticato. 


Meteo Italia, caldo record: 20 città bollino rosso il 5 luglio

07/04/2022 03:18 PM

(Adnkronos) - Il caldo record non dà tregua in Italia e domani, martedì 5 luglio, saranno 20 le città da bollino rosso, con livello di allerta 3, secondo il bollettino delle ondate di calore del ministero della Salute. Bollino rosso a Ancona, ...

Leggi tutto

(Adnkronos) - Il caldo record non dà tregua in Italia e domani, martedì 5 luglio, saranno 20 le città da bollino rosso, con livello di allerta 3, secondo il bollettino delle ondate di calore del ministero della Salute. Bollino rosso a Ancona, Bari, Bologna, Bolzano, Cagliari, Campobasso, Catania, Civitavecchia, Firenze, Frosinone, Latina, Messina, Napoli, Palermo, Perugia, Pescara, Reggio Calabria, Rieti, Roma e Viterbo. 

Da mercoledì 6 luglio lieve calo delle morsa del caldo e le città da bollino rosso scenderanno a 9 su 27 con un aumento dei capoluoghi in giallo, livello di allerta 1. Genova e Venezia le città meno interessate dalle ondate, il capoluogo ligure oggi ha bollino verde e domani giallo, Venezia ha bollino giallo oggi e verde mercoledì.  

FIRENZE - Firenze ancora da bollino rosso. Il nuovo bollettino del ministero della salute prevede ondate di calore per oggi e domani. Alle 8.45 di oggi (ora solare) la temperatura massima ha raggiunto (alla stazione Firenze-Orto botanico) i 30.2 gradi. 

ROMA - A Roma ieri attorno a mezzogiorno una pattuglia della Polizia Locale del I Gruppo Trevi, in servizio in Via di San Gregorio all' altezza di Piazza del Colosseo, ha notato un padre nel tentativo disperato di rianimare sua figlia di 6 anni di età, che teneva in braccio, priva di sensi. Al fianco anche la mamma, molto agitata per le condizioni di salute della piccola. 

A quel punto gli agenti sono intervenuti repentinamente, accompagnando la famiglia al vicino presidio sanitario, presente in prossimità della metro Colosseo, dove il personale medico ha accertato uno svenimento dovuto verosimilmente alle alte temperature e disposto il trasporto della bambina presso una struttura ospedaliera, per gli ulteriori accertamenti del caso.  

La famiglia di turisti, provenienti dal nord d'Italia e in visita da un giorno nella Capitale, ha ringraziato gli operanti per l'assistenza immediata e per il supporto fornitogli, che ha permesso di mettere in sicurezza la minore e garantirle al più presto le cure necessarie. 

 

 


Assogiocattoli, Gianfranco Ranieri nuovo presidente

07/04/2022 03:10 PM

(Adnkronos) - L’assemblea dei soci Assogiocattoli, riunitasi giovedì 30 giugno a Milano, ha eletto il consiglio direttivo e i revisori dei conti dell’associazione per il triennio 2022-2025. Il nuovo consiglio e i tre revisori dei conti si sono ...

Leggi tutto

(Adnkronos) - L’assemblea dei soci Assogiocattoli, riunitasi giovedì 30 giugno a Milano, ha eletto il consiglio direttivo e i revisori dei conti dell’associazione per il triennio 2022-2025. Il nuovo consiglio e i tre revisori dei conti si sono poi riuniti per eleggere il nuovo presidente. Gianfranco Ranieri di Flora srl è stato eletto presidente Assogiocattoli e succede a Roberto Marelli di Artsana, in carica per due mandati dal 2016 al 2022.  

Il nuovo consiglio direttivo dell’associazione è adesso composto da: Claudio Basile di Eqsg, Michele Basili di Simba Toys, Dario Bertè di Trudi, Claudio Borella di Borella, Maurizio Borgonovo di U. Borgonovo, Dino Canuti di Spinmaster, Marco Capone di Lego, Anna Maria Foppa Pedretti di Foppa Pedretti, Stefano Gandolfi di Italtrike, Roberto Lo Iacono di Hasbro, Roberto Marelli di Artsana, Donatella Papetta di Top Company, Paola Parodi di Peg Perego, Stefano Quercetti di Quercetti, Genesio Rocca di Gemar, Andrea Santambrogio di Garden Team, Jacopo Scandella di Mattel, Luca Tomasi di L’Inglesina, Fabrizio Villa di Villa Giocattoli. 

Per l’occasione sono anche stati eletti anche i nuovi revisori dei conti: Mario Barracca di Educational, Lorenzo Tucci Sorrentino di Cranio Creations, Paolo Taverna di Sartoo. 


M5S, Borghi: "Franceschini? Tutto il Pd la pensa così, 5 Stelle riflettano"

07/04/2022 03:09 PM

(Adnkronos) - "Più che inalberarsi per Franceschini, i 5 Stelle dovrebbero riflettere... Le cose dette da Dario sono cose vere e sono posizioni largamente diffuse nel Pd". Enrico Borghi, deputato dem e membro della segreteria di Enrico Letta, risponde così ...

Leggi tutto

(Adnkronos) - "Più che inalberarsi per Franceschini, i 5 Stelle dovrebbero riflettere... Le cose dette da Dario sono cose vere e sono posizioni largamente diffuse nel Pd". Enrico Borghi, deputato dem e membro della segreteria di Enrico Letta, risponde così all'Adnkronos dopo le tensioni, raccolte in chat M5S, per le parole di ieri di Dario Franceschini. Posizioni, quelle del ministro della Cultura, che Borghi definisce "assolutamente condivise" nel Pd.  

Intanto l'incontro tra il premier Draghi e Giuseppe Conte è slittato, magari serve a far decantare un po'? "Ma chissà... La mia opinione è questa vicenda sia stata eccessivamente gonfiata a livello mediatico. Sto a quanto detto dal presidente Draghi e dal presidente Conte: il primo dice che non c'è governo senza i 5 Stelle e il secondo che M5S non intende uscire. Stando a queste dichiarazioni derubricherei l'incontro a un fisiologico incontro tra il premier e il leader di un partito di maggioranza. Non drammatizzerei. Poi staremo a vedere".  

Ieri però Franceschini ha un po' drammatizzato forse. La sua posizione è condivisa da tutti nel Pd? "Assolutamente sì. Le posizioni di Franceschini sono largamente diffuse all'interno del partito e chiaramente, essendo lui tra gli esponenti che maggiormente hanno lavorato per un accordo con i 5 Stelle, credo assumano anche un peso specifico notevole". I 5 Stelle non l'hanno presa benissimo... "Non è il caso di inalberarsi ma di riflettere. Le cose dette da Franceschini sono vere: siamo alla vigilia di una stagione di alleanze per la prossima legislatura e ogni scelta che viene compiuta dà risposte in un verso o nell'altro. Se si ha la volontà di costruire un'alleanza che vada nella direzione anche del lavoro fatto insieme ai 5 stelle in questi anni, le scelte di questi mesi devono essere conseguenti".  

Ovvero? "Non si può mettere in discussione il governo Draghi. Per quel che ci riguarda, noi siamo per la salvaguardia della tenuta del governo e per fare in modo che si costruiscano le ragioni di un'alleanza molto larga". Onorevole Borghi, quindi i 5 Stelle, se tornasse il sereno con Draghi, restano per il Pd possibili alleati? Certo, dall'Ucraina al termovalorizzatore, sono diverse le distinzioni... "Noi abbiamo detto che ci sono una serie di linee portanti che contraddistinguono la costruzione di un'alleanza fatta sui contenuti e non sugli aspetti ideologici".  

Quali? "L'Europa, la lotta alle disuguaglianze, le varie transizioni che abbiamo davanti da quella ecologica a quella energetica, e poi il recupero della competitività del Paese e i diritti civili. Noi su queste linee portanti siamo pronti ad aprire un dialogo con tutti quelli che si riconoscono con chi ha sostenuto e sostiene la commissione di Ursula Von der Leyen. Il M5S è quindi un interlocutore, noi vogliamo aprire un ragionamento ma spetta ai 5 Stelle, in questo senso, sciogliere la riserva".  

Ma se Conte porta i 5 Stelle fuori dal governo Draghi, con i 5 Stelle è finita e si va a votare? "Il segretario Letta è stato molto preciso giovedì in Direzione dove la sua relazione è stata approvata all'unanimità. Per il Pd il governo Draghi è l'ultimo della legislatura. Se malauguratamente venisse meno il governo Draghi, la strada è una sola: le elezioni. Con tutte le conseguenze paradossali del caso. Tra crisi internazionale e scadenze impellenti, verrebbe precipitato tutto dentro una campagna elettorale... Per noi il governo deve andare fino in fondo, fino alla scadenza e sia chiaro che se cade, non ci saranno altri governi in questa legislatura".  


Covid oggi Toscana, 1.208 contagi e 4 morti: bollettino 4 luglio

07/04/2022 03:06 PM

(Adnkronos) - In Toscana sono 1.208 i nuovi contagi da coronavirus registrati oggi, 4 luglio, che portano il totale a 1.226.325 dall'inizio dell'emergenza Covid. Lo riferisce il bollettino della Regione. Oggi sono stati eseguiti 682 tamponi molecolari e 4.401 tamponi antigenici rapidi, di questi ...

Leggi tutto

(Adnkronos) - In Toscana sono 1.208 i nuovi contagi da coronavirus registrati oggi, 4 luglio, che portano il totale a 1.226.325 dall'inizio dell'emergenza Covid. Lo riferisce il bollettino della Regione. Oggi sono stati eseguiti 682 tamponi molecolari e 4.401 tamponi antigenici rapidi, di questi il 23,8% è risultato positivo. Sono invece 1.551 i soggetti testati oggi, di cui il 77,9% è risultato positivo. I ricoverati sono 574 (50 in più rispetto a ieri), di cui 20 in terapia intensiva (1 in meno). Sono quattro i nuovi decessi: 2 uomini e 2 donne con un'età media di 80,5 anni (1 a Firenze, 1 a Pistoia, 2 a Pisa).  

I nuovi casi sono lo 0,1% in più rispetto al totale del giorno precedente. I guariti crescono dello 0,1% e raggiungono quota 1.154.572 (94,1% dei casi totali). Gli attualmente positivi sono oggi 61.557, +0,5% rispetto a ieri.  

L'età media dei 1.208 nuovi positivi odierni è di 46 anni circa (12% ha meno di 20 anni, 20% tra 20 e 39 anni, 36% tra 40 e 59 anni, 22% tra 60 e 79 anni, 10% ha 80 anni o più). 

Di seguito i casi di positività sul territorio con la variazione rispetto a ieri (354 confermati con tampone molecolare e 854 da test rapido antigenico). Sono 341.003 i casi complessivi ad oggi a Firenze (352 in più rispetto a ieri), 83.265 a Prato (64 in più), 97.483 a Pistoia (104 in più), 60.033 a Massa (61 in più), 128.978 a Lucca (130 in più), 142.396 a Pisa (73 in più), 109.392 a Livorno (138 in più), 111.065 ad Arezzo (105 in più), 86.613 a Siena (114 in più), 65.542 a Grosseto (67 in più). Sono 555 i casi positivi notificati in Toscana, ma residenti in altre regioni. 

Sono 530 i casi riscontrati oggi nell'Asl Centro, 392 nella Nord Ovest, 286 nella Sud est. 


Valanga Marmolada, climatologo: "Crollo per alte temperature e scarsa nevosità"

07/04/2022 03:03 PM

(Adnkronos) - Il crollo avvenuto ieri sulla Marmolada è dovuto alla "concausa di tre fattori: termico, nivo-glaciologico e nivometrico stagionale". Quindi: "Temperature particolarmente elevate nell’ultimo mese e mezzo, scarsa nevosità invernale e di conseguenza più rapido riscaldamento del ghiaccio ...

Leggi tutto

(Adnkronos) - Il crollo avvenuto ieri sulla Marmolada è dovuto alla "concausa di tre fattori: termico, nivo-glaciologico e nivometrico stagionale". Quindi: "Temperature particolarmente elevate nell’ultimo mese e mezzo, scarsa nevosità invernale e di conseguenza più rapido riscaldamento del ghiaccio che ha fuso e ceduto in maniera molto rapida". Così Massimiliano Fazzini, esperto nivologo e climatologo responsabile del Gruppo nazionale di studio sui cambiamenti climatici di Sigea, spiega all'Adnkronos le cause meteo-climatiche alla base della tragedia della Marmolada.  

"I fattori alla base di questa tragedia dal punto di vista meteo-climatico sono vari: a cominciare dalla scarsa nevosità che ha caratterizzato l’inverno appena trascorso, è nevicato un po’ meno della metà rispetto alle medie, ma, soprattutto, il manto nevoso a causa del repentino aumento delle temperature, già in maggio, ha subito una velocissima riduzione tanto che siamo arrivati dieci giorni fa senza neve stagionale al suolo anche alle quote più elevate", spiega. 

Quindi: "L’unione di temperature eccezionalmente elevate, si pensi che la stazione meteorologica in cima alla Marmolada non ha registrato temperature negative nemmeno di notte da almeno dieci giorni, il fatto che quando il ghiaccio storico non è protetto dalla neve stagionale assorbe molto più rapidamente il calore che arriva dalla radiazione solare (ha un albedo inferiore), per cui si è scaldato molto più rapidamente e la grande quantità di acqua prodotta dalla fusione della poca neve stagionale in cresta e del ghiaccio alle varie profondità del ghiacciaio stesso hanno concausato questa enorme tragedia". 

Un evento “assolutamente non prevedibile”, secondo Fazzini. Perché "fino ad una decina di anni fa non abbiamo mai osservato cadute, crolli improvvisi di pezzi di ghiacciaio o seraccate. Perché non c’erano mai condizioni di temperature così elevate per un lungo periodo di tempo. Possiamo imparare a prevedere, se abbiamo esperienza in questo caso non ne abbiamo". 

Alla luce di questi eventi, "io credo, da climatologo, che bisogna istallare più stazioni nivo-meteorologiche in alta quota e comprendere cosa succede nelle sommità delle nostre Alpi" perché "l’ambiente fisico di alta montagna è un indicatore enorme del cambiamento climatico in atto" e perché "tutti questi ghiacciai che si vanno ritirando rappresentano una minore quantità di acqua stoccata che può servire in estate". 

Si può parlare, dunque, di effetti dei cambiamenti climatici? "Un evento eccezionale non fa cambiamento climatico ma quando cominciamo a vedere che sono sempre di più in alta montagna i giorni senza rigelo notturno estivo, quando le precipitazioni stanno diventando sempre più irregolari soprattutto al punto nivometrico, quando soprattutto negli ultimi 30 anni la temperatura è aumentata di due gradi a quelle quote, è normale che venga automatico un collegamento diretto tra riscaldamento climatico in atto e questi fenomeni di estremizzazione climatica".  


Covid oggi in Abruzzo, 1015 contagi e 4 morti: bollettino 4 luglio

07/04/2022 02:55 PM

(Adnkronos) - Sono 1015 i nuovi contagi da coronavirus registrati oggi, 4 luglio, in Abruzzo, che portano il totale dall’inizio dell’emergenza – al netto dei riallineamenti – a 439400. Lo comunica il bollettino con i dati Covid della Regione. Il bilancio dei ...

Leggi tutto

(Adnkronos) - Sono 1015 i nuovi contagi da coronavirus registrati oggi, 4 luglio, in Abruzzo, che portano il totale dall’inizio dell’emergenza – al netto dei riallineamenti – a 439400. Lo comunica il bollettino con i dati Covid della Regione. Il bilancio dei pazienti deceduti registra 4 nuovi casi (di età compresa tra 65 e 87 anni, 2 in provincia di Chieti, 1 in provincia dell’Aquila, 1 risalente ai giorni scorsi e comunicato solo oggi dalla Asl) e sale a 3387. 

Nel numero dei casi positivi sono compresi anche 402268 dimessi/guariti (+297 rispetto a ieri). Gli attualmente positivi in Abruzzo sono 33745 (+714 rispetto a ieri). Di questi, 174 pazienti (+14 rispetto a ieri) sono ricoverati in ospedale in area medica; 5 (-1 rispetto a ieri) in terapia intensiva, mentre i restanti sono in isolamento domiciliare. Nelle ultime 24 ore sono stati eseguiti 394 tamponi molecolari (2378479 in totale dall’inizio dell’emergenza) e 2506 test antigenici (3876558). 

Del totale dei casi positivi, 91627 sono residenti o domiciliati in provincia dell’Aquila (+139 rispetto a ieri), 125159 in provincia di Chieti (+325), 101646 in provincia di Pescara (+254), 107420 in provincia di Teramo (+242), 8713 fuori regione (+27) e 4835 (+28) per i quali sono in corso verifiche sulla provenienza. 


Rigenerazione urbana, rinasce il Kanova Playground a Trento

07/04/2022 02:49 PM

(Adnkronos) - Un percorso di cura e rigenerazione di aree urbane: è il progetto Cup Of Respect - NelleMieMani che toccherà alcune città italiane, ideato da Nescafé con la partecipazione attiva di Labsus - Laboratorio per la sussidiarietà Associazione di ...

Leggi tutto

(Adnkronos) - Un percorso di cura e rigenerazione di aree urbane: è il progetto Cup Of Respect - NelleMieMani che toccherà alcune città italiane, ideato da Nescafé con la partecipazione attiva di Labsus - Laboratorio per la sussidiarietà Associazione di promozione sociale il cui fine è quello di promuovere progetti di cura dei beni comuni da parte dei cittadini in collaborazione con le istituzioni.  

Per ogni città selezionata sarà individuata l’area di intervento, un parco, un campo giochi, una palestra a cielo aperto, un luogo importante per la socialità. Attraverso il lavoro di Labsus, i cittadini potranno firmare con la l'amministrazione locale, un Patto di Collaborazione, che permetterà di rendere più bella la propria città.  

Il primo progetto è stato avviato nella primavera del 2022 da Nescafé e Labsus, con la collaborazione tra la Città di Trento e due associazioni attive sul territorio. Obiettivo: riqualificare il Giardino Pubblico Canova. L’azione si concentra sul campo da basket, luogo di aggregazione di molti ragazzi, e vede la collaborazione di uno street artist locale, Alan Vitti, per la realizzazione di un’opera d’arte murale che prende ispirazione dall’iniziativa di Nescafé Cup Of Respect - NelleMieMani.  

Kanova Playground, così si chiamerà il nuovo spazio, ha l’ambizione di diventare il nuovo centro della vita sociale non solo di bambini e ragazzi ma di tutti i residenti del quartiere. Un luogo dove la diversità diventa ricchezza e dove promuovere stili di vita sani, corretta alimentazione e sport all’aria aperta. Lo spazio sportivo tornerà fruibile dai residenti nei mesi estivi e sarà il volano per sensibilizzare tutte le comunità locali sia in termini di partecipazione alla cura e manutenzione della cosa pubblica, sia in termini di stili di vita sani e rispettosi dell’ambiente. 


Covid oggi Sardegna, 933 contagi: bollettino 4 luglio

07/04/2022 02:47 PM

(Adnkronos) - Sono 933 i contagi da coronavirus in Sardegna oggi, 4 luglio 2022, secondo numeri e dati del bollettino covid della regione. Non si registrano morti. Sono stati processati in totale, fra molecolari e antigenici, 2.079 tamponi. I pazienti ricoverati nei reparti ...

Leggi tutto

(Adnkronos) - Sono 933 i contagi da coronavirus in Sardegna oggi, 4 luglio 2022, secondo numeri e dati del bollettino covid della regione. Non si registrano morti. Sono stati processati in totale, fra molecolari e antigenici, 2.079 tamponi. I pazienti ricoverati nei reparti di terapia intensiva sono 8 ( -1). I pazienti ricoverati in area medica sono 132 (+8). Sono 29.456 sono i casi di isolamento domiciliare (+140). 


'Ogni 100 italiani presenti nel Paese quasi 9 vivono all’estero'

07/04/2022 02:38 PM

(Adnkronos) - “Per ogni cento italiani presenti nel nostro Paese, ce ne sono quasi nove che invece vivono all’estero. Secondo i numeri della Fondazione Migrantes, nel suo ultimo rapporto, sono oltre 5,6 milioni gli iscritti all’Aire (Anagrafe italiani ...

Leggi tutto

(Adnkronos) - “Per ogni cento italiani presenti nel nostro Paese, ce ne sono quasi nove che invece vivono all’estero. Secondo i numeri della Fondazione Migrantes, nel suo ultimo rapporto, sono oltre 5,6 milioni gli iscritti all’Aire (Anagrafe italiani residenti all’estero), coloro, cioè, che hanno segnalato allo stato di essere emigrati altrove nel mondo”. Lo ricorda il presidente dell’Inps, Pasquale Tridico, nella pubblicazione Inps, ‘Il fenomeno migratorio e gli effetti sulle pensioni pagate all’estero’. 

"Le comunità italiane all’estero più numerose - prosegue - sono presenti soprattutto in Argentina (884.187), in Germania (801.082) e in Svizzera (639.508). Seguono, a distanza, le comunità residenti in Brasile (poco più di 500 mila), in Francia (circa 444 mila), Regno Unito (oltre 412 mila) e Stati Uniti (quasi 290 mila). In realtà, gli italiani nel tempo sono arrivati praticamente in ogni angolo abitato del pianeta".  

“Valga per tutti - spiega - l’esempio di quello che è considerato l’insediamento umano più remoto del mondo, l’arcipelago Tristan da Cunha, nel mezzo dell’Oceano Atlantico, dove due degli otto cognomi presenti sono di origine genovese. La storia, infatti, racconta che nel 1892 vi approdarono due naufraghi, originari di Camogli, che decisero di rimanere sull'isola contribuendo all'ampliamento della comunità”.  

“I principali flussi di italiani verso l’estero - ricorda - sono iniziati alla fine dell’Ottocento, soprattutto verso Germania, Francia e Svizzera ma anche verso Stati Uniti e Sud America. Successivamente, dopo la Grande Guerra, si sono succedute diverse ‘ondate’ migratorie, in particolare durante il fascismo e dopo il secondo conflitto mondiale. Dagli anni ‘70 in avanti il fenomeno è risultato in calo e soltanto agli inizi degli anni 2000 si è assistito a una nuova inversione di tendenza che prosegue anche nei giorni nostri, mostrando di non essere un fenomeno congiunturale”. 


'In Europa oltre 56% pensioni pagato fuori Italia'

07/04/2022 02:38 PM

(Adnkronos) - "La maggior parte dei pagamenti delle pensioni è localizzata nel continente europeo, dove vi viene corrisposto oltre il 56% del totale delle pensioni pagate fuori dai confini italiani". A dirlo Pasquale Tridico, presidente Inps, intervenendo al convegno ‘Italia, pensioni ...

Leggi tutto

(Adnkronos) - "La maggior parte dei pagamenti delle pensioni è localizzata nel continente europeo, dove vi viene corrisposto oltre il 56% del totale delle pensioni pagate fuori dai confini italiani". A dirlo Pasquale Tridico, presidente Inps, intervenendo al convegno ‘Italia, pensioni e mobilità: storie di partenze e di ritorni’. 

"Seguono - sottolinea - l'America settentrionale e l'Oceania, aree dove la percentuale si attesta rispettivamente al 22,8% e al 10,7%. Da un punto di vista tendenziale, a fronte di una sostanziale stabilità del numero del pagamenti di pensioni in Europa, il dato interessante è la forte crescita delle pensioni pagate in America centrale, in Asia e in Africa (rispettivamente +48%, +33% e +26%), determinata soprattutto dal rientro di coloro che, dopo aver lavorato e/o conseguito diritto a pensione in Italia, decidono di tornare nel proprio Paese d'origine". 

"Al contrario - fa notare il presidente Tridico - si segnala il forte decremento dei numero dei pagamenti in America settentrionale, in America meridionale e in Oceania, aree che storicamente sono state tra le destinazioni preferite dagli emigranti italiani nel secolo scorso e che adesso ospitano i pensionati più anziani il cui numero, negli anni, è destinato a ridursi". 

"L'Asia e l'Europa - ribadisce comunque Tridico - sono le aree continentali con la percentuale più elevata di pensioni di vecchiaia", mentre "Tutte le aree continentali, con la sola esclusione dell'America meridionale, hanno percentuali alte di pensioni di vecchiaia, che superano il 60% rispetto al totale, segno che l'Inps sta pagando soprattutto pensioni di nuova generazione, tranne nel Sud America, dove si pagano principalmente pensioni ai superstiti". A dirlo Pasquale Tridico, presidente Inps, intervenendo al convegno 'Italia, pensioni e mobilità: storie di partenze e di ritorni'. 

 


'In Europa oltre 56% pensioni pagato fuori Italia'

07/04/2022 02:38 PM

(Adnkronos) - "La maggior parte dei pagamenti delle pensioni è localizzata nel continente europeo, dove vi viene corrisposto oltre il 56% del totale delle pensioni pagate fuori dai confini italiani". A dirlo Pasquale Tridico, presidente Inps, intervenendo al convegno ‘Italia, pensioni ...

Leggi tutto

(Adnkronos) - "La maggior parte dei pagamenti delle pensioni è localizzata nel continente europeo, dove vi viene corrisposto oltre il 56% del totale delle pensioni pagate fuori dai confini italiani". A dirlo Pasquale Tridico, presidente Inps, intervenendo al convegno ‘Italia, pensioni e mobilità: storie di partenze e di ritorni’. 

"Seguono - sottolinea - l'America settentrionale e l'Oceania, aree dove la percentuale si attesta rispettivamente al 22,8% e al 10,7%. Da un punto di vista tendenziale, a fronte di una sostanziale stabilità del numero del pagamenti di pensioni in Europa, il dato interessante è la forte crescita delle pensioni pagate in America centrale, in Asia e in Africa (rispettivamente +48%, +33% e +26%), determinata soprattutto dal rientro di coloro che, dopo aver lavorato e/o conseguito diritto a pensione in Italia, decidono di tornare nel proprio Paese d'origine". 

"Al contrario - fa notare il presidente Tridico - si segnala il forte decremento dei numero dei pagamenti in America settentrionale, in America meridionale e in Oceania, aree che storicamente sono state tra le destinazioni preferite dagli emigranti italiani nel secolo scorso e che adesso ospitano i pensionati più anziani il cui numero, negli anni, è destinato a ridursi". 

"L'Asia e l'Europa - ribadisce comunque Tridico - sono le aree continentali con la percentuale più elevata di pensioni di vecchiaia", mentre "Tutte le aree continentali, con la sola esclusione dell'America meridionale, hanno percentuali alte di pensioni di vecchiaia, che superano il 60% rispetto al totale, segno che l'Inps sta pagando soprattutto pensioni di nuova generazione, tranne nel Sud America, dove si pagano principalmente pensioni ai superstiti". A dirlo Pasquale Tridico, presidente Inps, intervenendo al convegno 'Italia, pensioni e mobilità: storie di partenze e di ritorni'. 

 


A extracomunitari 1,2 mld prestazioni a fronte di 10,8 mld contributi

07/04/2022 02:37 PM

(Adnkronos) - "Gli extracomunitari contribuiscono per 10,8 miliardi di contributi su un monte complessivo di 160 miliardi. A fronte di ciò, gli extracomunitari fruiscono di prestazioni pensionistiche per appena 1,2 miliardi su circa 100 miliardi erogati dall’Istituto". A dirlo Pasquale Tridico, presidente ...

Leggi tutto

(Adnkronos) - "Gli extracomunitari contribuiscono per 10,8 miliardi di contributi su un monte complessivo di 160 miliardi. A fronte di ciò, gli extracomunitari fruiscono di prestazioni pensionistiche per appena 1,2 miliardi su circa 100 miliardi erogati dall’Istituto". A dirlo Pasquale Tridico, presidente Inps, intervenendo al convegno ‘Italia, pensioni e mobilità: storie di partenze e di ritorni’. 

"Gli extracomunitari - osserva - contribuiscono di più al mercato del lavoro di quanto ricevano in termini di prestazioni pensionistiche e non pensionistiche". 

 


Lotto, gioca 8 volte lo stesso terno e vince 170mila euro

07/04/2022 02:37 PM

(Adnkronos) - E' stato un sabato eccezionale per un abitante di Cassano d'Adda, centro di quasi 20mila anime in provincia di Milano. Nell'ultima estrazione del Lotto ci sono state ben 8 vincite identiche che sono finite proprio nel paese lombardo. ...

Leggi tutto

(Adnkronos) - E' stato un sabato eccezionale per un abitante di Cassano d'Adda, centro di quasi 20mila anime in provincia di Milano. Nell'ultima estrazione del Lotto ci sono state ben 8 vincite identiche che sono finite proprio nel paese lombardo. Per 8 volte è stato infatti giocato il terno 45-48-90 sulla ruota di Palermo. Ogni giocata, dal costo di 5 euro, ha fruttato una vincita di ben 22.500 euro. Ma la persona che ha centrato questa super vincita, si è portato a casa anche 6 ambi molto ricchi. 

"A vincere è stata una sola persona: gioca lo stesso terno e lo stesso ambo per più volte. Già 10 anni fa con lo stesso metodo aveva vinto circa 140mila euro. Si tratta di un cliente abituale della nostra ricevitoria che da diverso tempo gioca con questo metodo. In questa occasione ha realizzato 8 terni da 20.700 euro e sei ambi da 920 euro (cifre al netto della trattenuta sulla vincite ndr), per un totale di oltre 170mila euro. Si tratta di un lavoratore sulla sessantina", ha spiegato ad Agimeg Claudio Trezzi, titolare del Tabacchi Villa di Cassano d'Adda dove sono state realizzate le giocate vincenti. 


Tridico (Inps), 'in calo pensioni pagate all'estero'

07/04/2022 02:37 PM

(Adnkronos) - "L'andamento delle pensioni pagate all'estero è in diminuzione. Concorrono a questo andamento tre diverse condizioni". A dirlo Pasquale Tridico, presidente Inps, intervenendo al convegno ‘Italia, pensioni e mobilità: storie di partenze e di ritorni'.  

"La prima ...

Leggi tutto

(Adnkronos) - "L'andamento delle pensioni pagate all'estero è in diminuzione. Concorrono a questo andamento tre diverse condizioni". A dirlo Pasquale Tridico, presidente Inps, intervenendo al convegno ‘Italia, pensioni e mobilità: storie di partenze e di ritorni'.  

"La prima condizione - ha spiegato - è l'esaurimento o forte ridimensionamento dei flussi migratori tradizionali verso alcuni Paesi (soprattutto del continente americano e in Australia), per cui moltissimi titolari delle prestazioni sono i superstiti dei protagonisti delle ondate migratorie dello scorso secolo". 

"La seconda - ha sottolineato - al pari delle pensioni nazionali che ha scontato gli interventi normativi che hanno inciso pesantemente sul numero delle nuove pensioni. La terza condizione è, invece, legata alla pandemia che si è resa responsabile di un importante incremento delle pensioni eliminate". 

"L'incremento maggiore dell'eliminazione delle pensioni in pagamento all'estero si è avuto nel 2021, pari al 45,1% rispetto al 2019" ha aggiunto.  

"Le pensioni eliminate in Italia nel primo anno di pandemia sono cresciute del 15,4%, mentre il dato triennale è pari all'8,2%" ha proseguito Tridico, che ha poi aggiunto: "Il trend delle pensioni vigenti sia in Italia che all'estero è in diminuzione già da diversi anni. Negli ultimi due, purtroppo, ha inciso anche la pandemia che ha comportato un importante incremento delle pensioni eliminate".  

"Mentre in Italia - avverte Tridico - l'eliminazione delle pensioni in pagamento avviene, di regola, a brevissima distanza dall'evento, all'estero, soprattutto nei Paesi extra Ue, le eliminate si consolidano dopo le verifiche dell'esistenza in vita che, per motivi tecnici, ha tempi più lunghi".  


Milano, stuprata dietro siepe: 2 arresti

07/04/2022 02:34 PM

(Adnkronos) - In tre la fermano, la trascinano dietro una siepe e la stuprano. È successo in piazza Napoli, a Milano, nella notte tra sabato e domenica. La vittima è una brasiliana di 41 anni. Ad accorgersi di quello che stava accadendo ...

Leggi tutto

(Adnkronos) - In tre la fermano, la trascinano dietro una siepe e la stuprano. È successo in piazza Napoli, a Milano, nella notte tra sabato e domenica. La vittima è una brasiliana di 41 anni. Ad accorgersi di quello che stava accadendo sono stati alcuni passanti, che hanno chiamato i carabinieri. 

I militari del nucleo Radiomobile, intervenuti immediatamente, hanno individuato e arrestato per violenza sessuale di gruppo un 42enne della Nuova Guinea, regolare e incensurato e un egiziano di 22 anni, irregolare e con piccoli precedenti, non per violenza sessuale. Un terzo complice, ancora ignoto, è fuggito prima dell'arrivo dei carabinieri. 

La vittima è stata trasportata in codice giallo all'ospedale Policlinico di Milano, da cui è stata dimessa ieri. 


Rubrica Lavoro del 2 luglio realizzata in collaborazione con Cnr Media

07/04/2022 02:12 PM

(Adnkronos) -  

Leggi tutto

(Adnkronos) -  


Dall’Università di Pavia un progetto salva-habitat

07/04/2022 01:44 PM

(Adnkronos) - Arriva dalle aule del Dipartimento di Scienza della Terra e dell’Ambiente dell’Università di Pavia il progetto “LIFE Drylands”, che ha l’obiettivo di ripristinare gli habitat delle zone aride a rischio e produrre linee guida ...

Leggi tutto

(Adnkronos) - Arriva dalle aule del Dipartimento di Scienza della Terra e dell’Ambiente dell’Università di Pavia il progetto “LIFE Drylands”, che ha l’obiettivo di ripristinare gli habitat delle zone aride a rischio e produrre linee guida per la loro conservazione e futura gestione. Il piano mira al recupero di habitat degradati, sia per la perdita e la frammentazione dovute alle attività antropiche, sia per l’incuria e l’inquinamento. I primi interventi di ripristino attivati sono già in corso nelle aree aride di Lombardia e Piemonte. 


Regole più severe in California per ridurre la plastica

07/04/2022 01:26 PM

(Adnkronos) - Un'importante legge approvata e firmata giovedì scorso dal governatore Gavin Newsom mira a ridurre in modo significativo gli imballaggi di plastica monouso in California e in concomitanza ad aumentare drasticamente i tassi di riciclaggio. Secondo il disegno ...

Leggi tutto

(Adnkronos) - Un'importante legge approvata e firmata giovedì scorso dal governatore Gavin Newsom mira a ridurre in modo significativo gli imballaggi di plastica monouso in California e in concomitanza ad aumentare drasticamente i tassi di riciclaggio. Secondo il disegno di legge, i produttori di plastica dovranno ridurre la plastica nei prodotti monouso del 10% entro il 2027, e del 25% entro il 2032. Inoltre, entro il 2032, la plastica dovrà essere riciclata al 65%, un salto enorme rispetto ai tassi attuali. 


Dopo 40 anni i rinoceronti ritornano in Mozambico

07/04/2022 01:24 PM

(Adnkronos) - Dopo oltre quarant'anni i rinoceronti stanno tornando a popolare le terre selvagge del Mozambico. Un gruppo di ranger ha catturato, sedato e trasferito per oltre 1.600 km dei rinoceronti bianchi e neri dal Sud Africa sino al Parco ...

Leggi tutto

(Adnkronos) - Dopo oltre quarant'anni i rinoceronti stanno tornando a popolare le terre selvagge del Mozambico. Un gruppo di ranger ha catturato, sedato e trasferito per oltre 1.600 km dei rinoceronti bianchi e neri dal Sud Africa sino al Parco Nazionale Zinave in Mozambico, che conta oltre 400.000 ettari e più di 2.300 altri animali reintrodotti. Il gruppo di conservazione Peace Parks Foundation (PPF), che sta conducendo l'operazione, mira a trasferire oltre 40 rinoceronti in Mozambico nel corso dei prossimi due anni. 


Calabria, Quintieri: "Bene evento 'Sapori di Cosenza' a Roma, è strada giusta"

07/04/2022 12:37 PM

(Adnkronos) - "Io sono stato in passato alla guida di Ice e Sace e mi sono occupato di internazionalizzazione delle imprese e di promozione e di valorizzazione dei nostri prodotti all'estero. Credo che l'evento promosso dalla Camera di commercio ...

Leggi tutto

(Adnkronos) - "Io sono stato in passato alla guida di Ice e Sace e mi sono occupato di internazionalizzazione delle imprese e di promozione e di valorizzazione dei nostri prodotti all'estero. Credo che l'evento promosso dalla Camera di commercio di Cosenza sia un ottimo primo passo nella giusta direzione". Così, Beniamino Quintieri, cosentino d'origine, docente universitario e già alla guida, tra gli altri, di Ice e Sace, commenta con Adnkronos/Labitalia l'evento 'Sapori di Cosenza: una tipicità internazionale', serata evento che si terrà il prossimo 6 luglio, dalle 19, presso la terrazza di Casa Litta - Palazzo Orsini, in via di Monte Savello 30, nel cuore del centro storico di Roma, organizzata dalla Camera di commercio di Cosenza, presieduta da Klaus Algieri.  

E proprio la Camera di commercio di Cosenza sta supportando le imprese del territorio nella ricerca di nuovi mercati. Secondo Quintieri, infatti, "si deve anche puntare sull'organizzazione, in modo da promuovere al meglio i marchi con i buyer nazionali ed esteri", aggiunge ancora Quintieri.  

Secondo Quintieri, "l'offerta dovrebbe essere concentrata in pochi grandi marchi, invece in Calabria abbiamo tante piccole aziende che non riescono a penetrare nei grandi mercati". "Abbiamo un ottimo vino ma tanti produttori - dice - e questo fa sì che i vini calabresi spesso non siano presenti nelle carte dei vini dei ristoranti in giro per l'Italia. Abbiamo le clementine tra le più buone ma non siamo riusciti a fare un marchio come invece hanno fatto in Sicilia. Abbiamo, quindi, un potenziale inespresso enorme -conclude Quintieri- che va sfruttato e lo si può fare solo concentrandosi su attività di organizzazione e di promozione dei prodotti".  

 


Calabria, Algieri: "6 luglio a Terrazza Orsini a Roma in scena eccellenze imprese cosentine"

07/04/2022 12:00 PM

(Adnkronos) - "Il 6 luglio presentiamo la bellezza delle eccellenze delle nostre imprese. Presentiamo una Calabria diversa" da quella che spesso viene raccontata, "la Calabria vera, quella fatta di imprese che lavorano silenziosamente e che portano a casa risultati. Vino, ...

Leggi tutto

(Adnkronos) - "Il 6 luglio presentiamo la bellezza delle eccellenze delle nostre imprese. Presentiamo una Calabria diversa" da quella che spesso viene raccontata, "la Calabria vera, quella fatta di imprese che lavorano silenziosamente e che portano a casa risultati. Vino, olio, formaggi, salumi e anche acque, tutte eccellenze del nostro territorio. Presenteremo, ad esempio, imprese che hanno frantoi che esistono da 500 anni. E lo facciamo in una delle più suggestive terrazze romane, davanti a un parterre fatto da alcune tra le personalità istituzionali più importanti, che hanno aderito con entusiasmo all'evento. Tra loro tanti calabresi che sono pronti a dare una mano al territorio". Così Klaus Algieri, presidente della Camera di commercio di Cosenza, presenta, conversando con Adnkronos/Labitalia, 'Sapori di Cosenza: una tipicità internazionale', serata evento che si terrà il 6 luglio, dalle 19.30, presso la terrazza di Casa Litta - Palazzo Orsini, in via di Monte Savello 30, nel cuore del centro storico di Roma.  

Una serata in cui sarà possibile degustare i prodotti enogastronomici del territorio, dal vino ai formaggi, passando per salumi e dolci. Ma non solo: è previsto anche un momento musicale del Conservatorio di musica 'Stanislao Giacomantonio' di Cosenza. "E' un evento che realizziamo -spiega ancora Algieri che è anche vicepresidente nazionale di Unioncamere- in collaborazione con Promos Italia, l'azienda delle Camere di commercio per l'internazionalizzazione delle imprese di cui siamo soci già da due anni e di cui sono componente del Cda".  

Una 'strada', quella del supporto alle imprese per l'internazionalizzazione, che la Camera di commercio di Cosenza ha intrapreso da tempo. "Le nostre imprese sono seguite -spiega Algieri- con tutto il supporto necessario. E quello del 6 luglio non vogliamo resti un evento isolato, abbiamo intenzione di renderlo un appuntamento fisso, stiamo già pensando al prossimo anno".  

 

 


Rubrica Prometeo del 3 luglio realizzata in collaborazione con CNR MEDIA

07/03/2022 07:29 PM

(Adnkronos) -  

Leggi tutto

(Adnkronos) -  


Alla Triennale una Honey Factory per avvicinare i bambini al mondo delle api

07/03/2022 10:20 AM

(Adnkronos) - Una Honey Factory alla Triennale di Milano per avvicinare i bambini al mondo delle api. Sponsorizzati da Kone, Apicolturaurbana.it organizza una serie di laboratori, rivolti ai bambini dai 6 ai 10 anni, che si terranno il 3, 17 e 31 luglio ...

Leggi tutto

(Adnkronos) - Una Honey Factory alla Triennale di Milano per avvicinare i bambini al mondo delle api. Sponsorizzati da Kone, Apicolturaurbana.it organizza una serie di laboratori, rivolti ai bambini dai 6 ai 10 anni, che si terranno il 3, 17 e 31 luglio e il 4 settembre, sempre alle 17.00. I più piccoli, grazie all’aiuto di un apicoltore esperto, potranno avvicinarsi così a una famiglia di api.  

I laboratori si terranno all’Honey Factory, apposita struttura situata nel giardino della Triennale. Progettata dal designer Francesco Faccin insieme a Mauro Veca, imprenditore agricolo e apicoltore urbano professionista, è strutturata in modo da funzionare come luogo ospitale per le api, ma soprattutto come un punto di informazione urbana per sensibilizzare su questi piccoli insetti, sulla loro importanza e sui rischi che corrono.  

La Honey Factory è pensata in modo tale che anche i più piccoli possano osservare da vicino le api in totale sicurezza: il predellino di volo dell’alveare (che in genere si trova a pochi centimetri da terra) è collocato a quattro metri di altezza, in modo che le api possano proseguire l’attività di bottinaggio mentre il pubblico può osservarle in tranquillità. Inoltre, una finestra in vetro permette di vedere il lavoro delle api e dell’apicoltore, in modo da creare le condizioni ottimali per l’attività didattica.  

L’obiettivo del progetto è dare ai bambini la possibilità di scoprire come funziona il modo delle api, la loro vita nell’alveare, l’organizzazione sociale e la grande importanza che ricoprono dell’ecosistema attraverso attività divertenti e coinvolgenti.  

Apicolturaurbana.it è un operatore specializzato nell’installazione e nella manutenzione di apiari professionali con 20 anni di esperienza, nato da un’idea di Mauro Veca e Giuseppe Manno. “Crediamo che questa iniziativa sia importante perché permette ai bambini di avvicinarsi al mondo delle api in totale sicurezza. Lo scopo è sensibilizzare le nuove generazioni sul ruolo fondamentale che le api svolgono per l’ecosistema e per l’uomo ed educare al rispetto e alla cura di tutti gli esseri viventi”, sostiene Giuseppe Manno, co-fondatore di Apicolturaurbana.it.  

I laboratori sono sponsorizzati da Kone, attivo a livello mondiale nella progettazione, produzione e manutenzione di ascensori, scale e tappeti mobili. “In Kone - spiega l'ad Giovanni Lorino - vogliamo costruire una cultura che si fondi su tre pilastri fondamentali: sicurezza, qualità e sostenibilità. Con particolare riferimento alla sostenibilità ambientale, abbiamo voluto porci degli obiettivi sfidanti, come la riduzione del 40% delle emissioni relative ai materiali dei nostri prodotti e all’uso di energia relativo agli ordini ricevuti e la riduzione del 50% delle emissioni relative alle nostre attività. Siamo sicuri che sostenere questo tipo di progetti possa contribuire a sensibilizzare sulla tutela dell’ambiente. Nel caso dei laboratori organizzati presso la Honey Factory saranno protagoniste le api, sentinelle ecologiche del nostro ecosistema, e i bambini, che saranno gli adulti del futuro, gli stessi adulti che avranno il compito di costruire le nostre città. Ora più che mai è di vitale importanza lavorare tutti insieme per creare un mondo sostenibile”. 


Honda porta la sua gamma elettrificata in tour nell'estate italiana

07/01/2022 09:49 PM

(Adnkronos) - Per far conoscere la sua gamma elettrificata Honda Italia - dopo il palcoscenico della Design Week e del Milano Monza Motor Show 2022 - torna in scena con un altro evento, questa volta itinerante. La casa giapponese è infatti ...

Leggi tutto

(Adnkronos) - Per far conoscere la sua gamma elettrificata Honda Italia - dopo il palcoscenico della Design Week e del Milano Monza Motor Show 2022 - torna in scena con un altro evento, questa volta itinerante. La casa giapponese è infatti Main Sponsor del RDS Summer Festival, un tour estivo organizzato con il partner radiofonico in cinque tappe nelle principali località estive del nostro paese, da nord a sud. In ogni tappa Honda sarà presente con una lounge dedicata, che avrà come protagonista la novità di quest’anno, la nuova Civic e:HEV Full Hybrid. Disponibile a partire dall’autunno del 2022, l'undicesima generazione di Civic sarà dotata della sola motorizzazione Full Hybrid, portando così a termine l’obiettivo della Casa di elettrificare l’intera gamma entro l’anno: forte di valori di assoluto rilievo in termini di prestazioni ed efficienza ( 108 g/km di CO2 e 4,7 l/100 km), la berlina giapponese unisce efficienza a una potenza massima di 135 kW e 315 Nm di coppia massima, dati che la pongono ai vertici del suo segmento. 

Nel tour con Rds Honda metterà inoltre in campo tutte le avanzate motorizzazioni Full Hybrid, schierando undici auto che andranno a comporre l’intera carovana a supporto di tutta la squadra del Summer Festival: si va dal nuovo SUV coupè HR-V alla piccola monovolume sportiva Jazz Crosstar e al Suv CR-V. 

Gli eventi, che si svolgeranno tutti durante i weekend, prevedono un’agenda ricca di appuntamenti pensati per grandi e bambini. Durante queste attività, sarà possibile fare il bagno a bordo dei galleggianti Honda HR-V presenti in spiaggia, scattare una foto da condividere nei propri profili social nell’esclusivo Photobooth, e richiedere gadget Honda. Ma naturalmente non mancherà la musica con esibizioni live dei più grandi artisti italiani, che cederanno nel finale la scena ai migliori Dj del panorama internazionale.  


Covid: Confsal su protocollo anticontagio al lavoro, 'bene ottica di prudenza'

07/01/2022 07:04 PM

(Adnkronos) - La Confsal "ha sottoscritto il Protocollo di sicurezza anticontagio da Covid-19 nei luoghi di lavoro non sanitari, accogliendo con favore l'ottica di prudenza, in considerazione dell'attuale andamento della curva epidemiologica". Lo ha detto il segretario generale Angelo ...

Leggi tutto

(Adnkronos) - La Confsal "ha sottoscritto il Protocollo di sicurezza anticontagio da Covid-19 nei luoghi di lavoro non sanitari, accogliendo con favore l'ottica di prudenza, in considerazione dell'attuale andamento della curva epidemiologica". Lo ha detto il segretario generale Angelo Raffaele Margiotta, ricordando che "all'incontro la Confsal ha fattivamente  partecipato con le sue proposte, unitamente alle altri parti sociali, al tavolo col ministero del Lavoro, col ministero della Salute, col Mise e l'Inail, dando un contributo critico e propositivo". 

Alcuni elementi vanno chiariti. Per la Confsal "nei punti in cui viene chiamata in causa l’autorità sanitaria bisogna esplicitare quale, poiché c’è confusione nel territorio: ci sono lavoratori fuori sede, pendolari o, comunque, privi del medico di medicina generale; contattare l’Asl o chi altro? È stato un fallimento contattare l’Asl nei periodi più acuti di diffusione virale. Quando si parla di adeguata distanza bisogna precisarla: la distanza è variata nel tempo e tuttora rimane indicata con un valore diverso in base alle circostanze e ai luoghi". Inoltre, "nella gestione di entrata e uscita dei dipendenti non appare corretto parlare di porta di entrata e porta di uscita, non sempre tra l’altro presenti, ma di 'flussi di entrata ed uscita, differenziati e separati, ove possibile'".  

E ancora, "quando si parla di sorveglianza sanitaria bisogna specificare se si intenda quella 'eccezionale', come intuibile, per non generare confusione e bisogna stabilire quali documenti/documentazione/forma documentale deve produrre il medico competente tenuto conto, altresì, che già con decreto interministeriale del 4 febbraio i fragili venivano certificati dal medico di medicina generale e non più dal medico competente, che così si è potuto limitare a verificare solo la bontà degli stessi e darne comunicazione interna". D’altra parte, prosegue la Consal, "deve essere chiarito che gli accertamenti sanitari indispensabili per rilevare gli stati di fragilità-Covid-19 non sono e non possono essere a carico del datore di lavoro". 

Ciò premesso, per la Confsal, "bisogna, comunque, chiarire le modalità di attuazione della 'sorveglianza sanitaria eccezionale' da parte del medico competente che ovviamente, eccezion fatta per l’anamnesi e l’esame obiettivo durante la visita medica, non ha a disposizione dispositivi medici di diagnostica strumentale di cui, invece, è dotato il Ssn per cui il medico competente può ovviamente solo valutare l’eventuale documentazione sanitaria, eventualmente fornita dal lavoratore". 


Superbonus, FederlegnoArredo: "Bene ampliamento cessione crediti"

07/01/2022 05:01 PM

(Adnkronos) - “L’allargamento della cessione del credito a tutti i correntisti con partita iva unitamente al fatto che tale modifica varrà anche per i crediti pregressi, è un passo necessario da noi ripetutamente richiesto che, se confermato dal voto ...

Leggi tutto

(Adnkronos) - “L’allargamento della cessione del credito a tutti i correntisti con partita iva unitamente al fatto che tale modifica varrà anche per i crediti pregressi, è un passo necessario da noi ripetutamente richiesto che, se confermato dal voto in aula di lunedì, giudichiamo certamente positivo, anche se non ancora completamente sufficiente a riattivare il meccanismo”. Così il presidente di FederlegnoArredo, Claudio Feltrin, commenta l’emendamento approvato in commissione Bilancio e Finanze della Camera nell’ambito della conversione del dl Aiuti in tema di superbonus al 110%.  

FederlegnoArredo interviene così sulla modifica introdotta per sbloccare il tema cruciale delle cessioni del credito, a fronte di un sistema attualmente pressoché congelato con gravi criticità per i cittadini, che vedono i lavori già commissionati messi a rischio, così come per le imprese esposte a una crisi di liquidità che avrebbe effetti a catena su tutta la filiera.  

“L’auspicio - spiega - è che si risolva il prima possibile anche la problematica della responsabilità in solido per ciascun cessionario al fine di riattivare il circuito dei bonus e favorire così la transizione ecologica del nostro paese: è urgente che ora riparta il meccanismo per il bene di tutto il sistema”.  


Goletta dei laghi sul Garda, i dati dei monitoraggi sulle acque

07/01/2022 04:40 PM

(Adnkronos) - Approda sul Garda Goletta dei Laghi 2022, la campagna di Legambiente in difesa delle acque dei bacini lacustri italiani: una tappa che incrocia i rilievi eseguiti sulle sponde veneta e lombarda del lago, il tema della dispersione delle ...

Leggi tutto

(Adnkronos) - Approda sul Garda Goletta dei Laghi 2022, la campagna di Legambiente in difesa delle acque dei bacini lacustri italiani: una tappa che incrocia i rilievi eseguiti sulle sponde veneta e lombarda del lago, il tema della dispersione delle microplastiche al centro del progetto Life Blue Lakes, e momenti di cittadinanza attiva, tra workshop e attività di beach litter promossi nella cornice dei Lakes Days organizzati dall’associazione ambientalista sul territorio.  

Tredici, in totale, i campioni di acqua prelevati quest’anno da un team di tecnici e volontari di Legambiente sul Lago di Garda, 7 in Lombardia e 6 in Veneto. Sponda lombarda: sottoposti ad analisi microbiologiche, tre dei punti campionati, tutti in provincia di Brescia, sono risultati 'fortemente inquinati'; due i punti risultati 'inquinati'. Entro i limiti di legge previsti dalla normativa vigente in Italia sulle acque lacustri, gli altri due punti campionati sulla sponda lombarda. 

"Anche in questa edizione di Goletta dei laghi, purtroppo, si riconfermano le criticità rilevate negli scorsi anni legate a torrenti e canali che dall’entroterra portano reflui non depurati a lago. Dopo così tanti anni di segnalazioni sembra vi sia una sottovalutazione rispetto ai problemi evidenziati", dichiara Barbara Meggetto, presidente di Legambiente Lombardia. 

Sponda veneta: tutti con concentrazioni inferiori ai limiti di legge previsti dalla normativa vigente in Italia sulle acque lacustri, i sei punti campionati sulla sponda veneta del Lago di Garda, nel Veronese. 

"I dati di quest’anno riferiti alla sponda veneta del Garda indicano una situazione migliore rispetto a quella delle scorse edizioni di Goletta dei Laghi: le acque risultano essere meno inquinate da escherichia coli, se confrontati con la serie storica. Va considerato, però, il momento di grave siccità che potrebbe portare i depuratori ad avere meno perdite e la rete idrica secondaria a condurre meno reflui zootecnici - dichiara Piero Decandia, direttore di Legambiente Veneto - Alla luce dei risultati complessivi dei campionamenti effettuati sulle sponde veneta e lombarda, riteniamo fondamentale una gestione unitaria del Garda, con standard e obiettivi da raggiungere attraverso azioni coordinate: il lago non può essere considerato un elemento dove passano confini territoriali, ma va inquadrato piuttosto come un unico grande ecosistema". 


Al fratino piace la spiaggia di Caorle

07/01/2022 03:50 PM

(Adnkronos) - Si sta avviando al termine la stagione riproduttiva del raro Fratino (Charadrius alexandrinus), che da qualche anno è di casa sulla spiaggia della Brussa, presso l’Azienda Pilota e Sperimentale “ValleVecchia” di Veneto Agricoltura, nel comune di Caorle (...

Leggi tutto

(Adnkronos) - Si sta avviando al termine la stagione riproduttiva del raro Fratino (Charadrius alexandrinus), che da qualche anno è di casa sulla spiaggia della Brussa, presso l’Azienda Pilota e Sperimentale “ValleVecchia” di Veneto Agricoltura, nel comune di Caorle (Ve). Complessivamente il numero di nidi individuati (compresi quelli non andati a buon fine a causa soprattutto delle mareggiate primaverili) ha superato la ventina, 16 i pulcini inanellati e ben sei quelli che già volano, potendo così mettersi al riparo da possibili minacce. Attualmente è presente ancora una coppia in cova sul nido. 


Droni per individuare gli scarichi inquinanti

07/01/2022 03:48 PM

(Adnkronos) - I droni stanno offrendo agli ambientalisti un nuovo strumento per scovare atti illeciti dove sono difficili da vedere o costosi da trovare. La Waterkeeper Alliance, una rete globale di gruppi che si batte per la salute ambientale ...

Leggi tutto

(Adnkronos) - I droni stanno offrendo agli ambientalisti un nuovo strumento per scovare atti illeciti dove sono difficili da vedere o costosi da trovare. La Waterkeeper Alliance, una rete globale di gruppi che si batte per la salute ambientale dell’acqua, addestra i suoi giovani attivisti ad usare i droni al fine di raccogliere prove dell'inquinamento di fiumi e torrenti da parte di attività industriali. I droni sono stati utilizzati, ad esempio, per indagare su una miniera di carbone in West Virginia (USA), che ha scaricato residui inquinanti in un fiume. Le autorità hanno poi usato le riprese come prova per multare l’azienda. 


L’Elba per la salvaguardia del mare

07/01/2022 03:48 PM

(Adnkronos) - Nel 2021 L'isola d’Elba ha sottoscritto un manifesto impegnandosi a diventare un sistema completamente sostenibile entro il 2035. Di questo progetto e di altre proposte per la salvaguardia e la valorizzazione del mare se ne parlerà dall'8 al 10 ...

Leggi tutto

(Adnkronos) - Nel 2021 L'isola d’Elba ha sottoscritto un manifesto impegnandosi a diventare un sistema completamente sostenibile entro il 2035. Di questo progetto e di altre proposte per la salvaguardia e la valorizzazione del mare se ne parlerà dall'8 al 10 luglio nel borgo di Marciana Marina, in occasione del Seif, il Sea Essence International Festival, primo evento internazionale dedicato alla salvaguardia e alla valorizzazione del mare e della sua essenza. 


Startup, D'Amato (Digithon): "Pronti a edizione entusiasmante, digitale al centro del futuro"

07/01/2022 03:29 PM

(Adnkronos) - "Sarà sicuramente un’edizione entusiasmante, siamo tutti emozionati all’idea di tornare finalmente dal vivo, con le Segherie di nuovo piene di ragazzi e la nostra piazza aperta al pubblico, per fare in modo che anche la ...

Leggi tutto

(Adnkronos) - "Sarà sicuramente un’edizione entusiasmante, siamo tutti emozionati all’idea di tornare finalmente dal vivo, con le Segherie di nuovo piene di ragazzi e la nostra piazza aperta al pubblico, per fare in modo che anche la gente comune possa avvicinarsi ai temi del digitale che riguarda il futuro di tutti noi. Nonostante questo, l’esperienza in remoto ci ha dato nuovi spunti per migliorarci, quindi le novità non mancheranno. Ci saranno dei focus su argomenti che anche per la gente comune sono all’ordine del giorno, come pandemia, social network, Metaverso, guerra, cybersecurity, sempre declinati rispetto al digitale. Inoltre, quest’anno abbiamo aperto anche le sale del Castello che ospiterà i bootcamp di formazione gratuita, una mostra con computer d’epoca e una sala dedicata alla realtà virtuale ultra immersiva". Così, con Adnkronos/Labitalia, Letizia D'Amato, presidente di DigithOn, racconta i temi che saranno al centro della settima edizione della maratona digitale, fondata da Francesco Boccia, e che si terrà dal 7 al 10 luglio a Bisceglie, in Puglia.  

L'obiettivo è di dare contributi all'innovazione. "I nostri finalisti -continua D'Amato- spaziano come sempre in tante categorie, dall’intelligenza artificiale applicata in vari campi come la salute, la diagnosi precoce, l’ottimizzazione aziendale e tanti altri. Ci sono progetti per la salvaguardia dell’ambiente, e altri ancora dedicati al turismo, alla cultura e all’education con un occhio attento anche ai più giovani per stimolarli e al tempo stesso educare all’uso consapevole di Internet. E poi blockchain, e-commerce, logistica, fintech...". 

"Sono tutti progetti -aggiunge ancora la presidente di Digithon- volti a migliorare la nostra vita, e di conseguenza la nostra società: ne abbiamo avuto, nel bene e nel male, ampia dimostrazione in questi due anni di pandemia, quando tutti ci siamo trovati chiusi in casa e siamo ricorsi alla rete per la maggior parte delle esigenze, dalla spesa alla burocrazia. Quello che cerchiamo di fare da sempre qui a DigithON è trasformare queste idee innovative in realtà concrete. Sono tantissimi gli inventors che nel corso degli anni, hanno avuto modo di entrare in contatto con aziende e finanziatori, e oggi le loro applicazioni sono utilizzate quotidianamente da milioni di utenti", conclude.  


Startup, Digithon: tra cybersecurity e metaverso pronti per maratona da 7 a 10 luglio a Bisceglie

07/01/2022 03:04 PM

(Adnkronos) - Tutto pronto alle Vecchie Segherie di Bisceglie per DigithON 2022, la più grande maratona digitale italiana che torna in presenza, dal 7 al 10 luglio: quattro giorni non-stop con una full immersion nel mondo del digitale, 48 ore di competition tra ...

Leggi tutto

(Adnkronos) - Tutto pronto alle Vecchie Segherie di Bisceglie per DigithON 2022, la più grande maratona digitale italiana che torna in presenza, dal 7 al 10 luglio: quattro giorni non-stop con una full immersion nel mondo del digitale, 48 ore di competition tra le 100 startup finaliste, confronto con le aziende, formazione, grandi eventi e momenti di approfondimento con nomi di primo piano delle istituzioni e delle imprese. La settima edizione di DigithON debutterà giovedì 7 luglio in Piazza Castello, con gli appuntamenti serali aperti al pubblico dopo due anni di stop a causa della pandemia, che avranno tutti inizio alle 19.30: dopo i saluti di Francesco Boccia, ideatore e fondatore della manifestazione, si entrerà subito nel vivo con Enrico Letta, segretario del Partito Democratico e le riflessioni su 'La democrazia e le sfide del mondo digitale'.  

Il benvenuto di Letizia D’Amato, presidente DigithON, introdurrà quindi Mariangela Marseglia, Country manager Italia, Spagna, Portogallo di Amazon, che sarà intervistata dal direttore di Milano Finanza Roberto Sommella su 'Il ruolo dell’innovazione e della sostenibilità nella crescita aziendale' e, per concludere, 'Travolto da un insolito digitale nell’azzurro mare d’agosto', l’intervento dell’inviato di “Striscia la Notizia” Pinuccio. Venerdì 8 luglio, il ricchissimo programma di incontri sarà aperto dal fisico, musicista, professore e influencer Vincenzo Schettini che terrà una 'Lezione con… La fisica che ci piace', spiegando la sua esperienza di insegnante e divulgatore social su YouTube, TikTok, Instagram, Spotify, per rendere la sua materia accessibile a tutti. Il direttore di K4biz Raffaele Barberio intervisterà Diego Ciulli, head of public policy and government relations di Google Italy, su 'Guerra e pandemia tra informazione, disinformazione e cybersecurity', mentre di 'Social e haters al tempo del Covid' parlerà il virologo Matteo Bassetti, in conversazione con la conduttrice di Rai1 Nunzia De Girolamo.  

E ancora, il giornalista e conduttore di Timeline di Rai3 Marco Carrara si confronterà con Laura Bononcini, public policy director southern europe di Meta per approfondire il progetto avveniristico lanciato da Mark Zuckerberg con il panel intitolato 'Verso il Metaverso: il mondo virtuale sempre più reale'. A seguire, la giornalista e conduttrice di La7 Myrta Merlino parlerà con il Presidente Movimento 5 Stelle Giuseppe Conte di come 'L’evoluzione della rete cambia la politica', mentre la conclusione della serata sarà affidata a Deddy, tra i protagonisti del programma record di Canale5 'Amici20', che conta oltre 104 milioni di streaming, brani nella top10 italiana per numero di creazioni su TikTok, e un disco di Platino per il suo primo album “Il cielo contromano”.  

Infine, sabato 9 luglio, sul palco di Piazza Castello salirà la giornalista, scrittrice, divulgatrice scientifica e conduttrice di Rai3 Barbara Gallavotti con 'Oltre i confini invisibili: la sfida della cittadinanza scientifica' e, a seguire, il presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti con Tobias Piller, Redazione Economia, già corrispondente per l’economia italiana del 'Frankfurter Allgemeine Zeitung', illustrerà il 'Case history: regione Lazio e innovazione'. Sarà quindi la volta del direttore del GR Rai e Radio1 Andrea Vianello, che intervisterà il direttore generale dell’Agenzia Cybersicurezza Roberto Baldoni su 'Guerra e cybersecurity'; subito dopo, uno dei volti più amati della tv, Mara Venier, sarà in conversazione con il giornalista e conduttore della Vita in Diretta di Rai1 Alberto Matano con 'Dal piccolo schermo alla grande rete'.  

Per concludere, spazio alla musica e al mondo dei social con LDA, allievo dei record ad Amici 21, per il disco d’oro e il disco di platino raggiunti nel minor tempo nella storia di Amici di Maria De Filippi con il primo inedito 'Quello che fa male', reduce dal terzo podio nella classifica FIMI con l’album di debutto eponimo, e attualmente in tendenza per la musica su YouTube Italia con il video del nuovo singolo 'Bandana'. La gara tra le startup avrà inizio venerdì 8 luglio alle 9 alle Vecchie Segherie: gli inventors saranno accolti da Francesco Boccia che darà il via alla maratona coordinata da Giuseppe Mastrodonato, cto e CoFounder DigithON, ed Ennio De Iapinis, Lawyer e CoFounder DigithON, con la partecipazione di Tobias Piller. Come sempre i finalisti avranno a disposizione 5 minuti per presentare il loro pitch alla platea di investitori e risponderanno alle domande degli analisti per vincere l'ambito trofeo DigithON 2022 e gli altri numerosi premi messi a disposizione dalle aziende partner.  

Alle 11.10 la competition lascerà spazio ad Alessandro Massara, Presidente di Universal Music Italy che con Piller parlerà di 'Industria discografica tra innovazione e creatività', e successivamente a Vincenzo Antonetti, responsabile sviluppo network dell’innovazione di Intesa Sanpaolo Innovation Center, che con Dani Schaumann, Global Country Advisor Israele di Intesa Sanpaolo in collegamento da Tel AViv, si confronterà su 'Gli elementi distintivi degli ecosistemi innovativi internazionali. Il modello israeliano'. In programma nel pomeriggio alle 16 il panel con Eleonora Santi, director of external affairs & communication Pmi, “Trasformazioni sostenibili, l’esempio di Philip Morris”, moderato dal direttore di Key4Biz Raffaele Barberio e, a seguire, 'GoBeyond: quando l’innovazione è responsabile' con l’intervento di Fabio Ventoruzzo, corporate communications & sustainability director di Sisal. Sabato 9 luglio dalle ore 9 riprenderà un’intensa giornata di startup competition fino alle 19, con tanti momenti di approfondimento.  

In programma alle 11 l’intervento di Eugenio Santagata, chief public affairs & security officer di Tim e ceo di Telsy, che parlerà con Tobias Piller de “Il ruolo delle Tlc nella difesa dei confini digitali del Paese”; a seguire il panel “L’innovazione nel sourcing”, con l’intervista di Angelo Centola, group sourcing director di Fincons, condotta da Raffaele Barberio, mentre alle 15.30, Vincenzo Antonetti, responsabile sviluppo network dell’innovazione di Intesa Sanpaolo Innovation Center, in collegamento con Bill Barber, Finanziamento e crescita startup di Intesa Sanpaolo Innovation Center, darà vita al talk 'Intesa Sanpaolo Innovation Center: i servizi di Open Innovation e il supporto alla crescita delle startup; gli strumenti a supporto del fundraising'. L'ultima giornata di DigithON, domenica 10 luglio, sarà dedicata come sempre alla premiazione dei progetti vincitori, talk e riflessioni conclusive rivolte al futuro. L’appuntamento alle Vecchie Segherie è alle 10.30, con l’intervento del fondatore di DigithON Francesco Boccia e le testimonianze di Timeflow, Aulab e The Portal, tre esempi di startup per cui DigithON è stato un volano verso il successo, oggi affermate realtà aziendali. Alle 11 è in programma l’intervento di Mario Aprile, vicepresidente Giovani Imprenditori di Confindustria, su “Giovani, forza delle imprese”, che lascerà poi spazio al momento più atteso: alle 11.15, la proclamazione dei vincitori di DigithON 2022 e la premiazione affidata a Francesco Boccia e al presidente di Confindustria Bari e Bat, Sergio Fontana. Il primo classificato a DigithON 2022, decretato dal comitato scientifico insieme alle votazioni on-line, riceverà un assegno di €10.000 offerto da Confindustria Bari e Bat.  

In palio altri 6 riconoscimenti tra borse di studio, premi in denaro e percorsi di accelerazione messi a disposizione dalle aziende partner, per un valore complessivo di oltre 50.000 euro. Per supportare e far vincere la propria startup preferita si può partecipare anche online sul sito www.digithon.it. Nel corso della maratona non mancheranno gli spazi dedicati alla formazione con i DigithON Boot Camp, corsi di programmazione gratuiti a cura di AuLab che si terranno presso il Castello, l’8 e il 9 luglio dalle 17 alle 19. Inoltre, nelle sale del Castello sarà allestita '8 bit Generation – Mostra di Retrocomputing', un’esposizione di macchine dell’epoca accese e funzionanti. Per approfondire, alle ore 19, si terrà un talk a cura di Giancarlo Valente di AuLab e Roberto Di Leo di eMinds: un viaggio nella storia dell’informatica casalinga, attraverso i primi anni e i personaggi americani e inglesi che hanno segnato la storia dei computer a 8 bit, come Jack Tramiel e Clive Sinclair, rispettivamente protagonisti della Commodore (Usa) e della Sinclair (UK).  

E ancora, ci sarà una sala 'LooperSpace' ad accesso libero dedicata alla virtual reality, messa a disposizione da The Portal, che permetterà agli utenti di immergersi nel Metaverso, tra esperienze gaming ed educational. Tra i partner di DigithON i nomi delle più importanti imprese italiane, le Over the Top, i grandi investitori e alcune tra le principali banche del nostro Paese: Confindustria Bari e Bat, Tim, Intesa Sanpaolo, Enel, Poste italiane, Ferrovie dello Stato Italiane, GoBeyond powered by Sisal, Gruppo Norba, Google, Mediaset, Meta, Nexi, Fincons Group, Philip Morris Italia, Aifi, Aulab, Bitdrome, Digital Magics, B4i – Bocconi For Innovation, Distretto Produttivo dell’Informatica, Rds 100% grandi successi, Gss, Maldarizzi, Pugliareport. Partner istituzionali: Politecnico di Bari, Università degli Studi di Bari Aldo Moro, Università del Salento. 


Torna VinoVip Cortina, appuntamento con l’enologia a luglio sulle Dolomiti

07/01/2022 03:03 PM

(Adnkronos) - Torna, nelle date del 10 e 11 luglio, l’appuntamento con VinoVip Cortina, la biennale firmata dalla rivista 'Civiltà del bere' con il patrocinio del Comune di Cortina d’Ampezzo, alla sua tredicesima edizione. Due giorni a stretto contatto ...

Leggi tutto

(Adnkronos) - Torna, nelle date del 10 e 11 luglio, l’appuntamento con VinoVip Cortina, la biennale firmata dalla rivista 'Civiltà del bere' con il patrocinio del Comune di Cortina d’Ampezzo, alla sua tredicesima edizione. Due giorni a stretto contatto con i leader dell’enologia italiana - 54 protagonisti d’eccellenza provenienti da tutta Italia - circondati dallo scenario naturale delle Dolomiti, patrimonio Unesco dal 2009. Un summit dedicato al mondo del vino nelle sue molteplici sfaccettature e alle tematiche più attuali, che stanno tracciando l’evoluzione di questo patrimonio nazionale. Si parlerà anche di cultura e mercati con gli interventi di esperti che si alterneranno sul palco dello storico Alexander Girardi Hall, nel pomeriggio della domenica: il tradizionale talk show quest’anno verterà sul tema delle 'nuove competenze', ovvero il patrimonio di conoscenze indispensabili a chi opera a livello professionale nel mondo del vino, sia nell’ambito della produzione sia per la comunicazione e i servizi. Tra i relatori, prestigiosi imprenditori e i sostenitori della manifestazione, selezionati ciascuno per un’area di expertise molto specifica: Vinitaly (promozione), Foragri (formazione continua in agricoltura), Della Toffola (enologia) e Vivai Cooperativi Rauscedo (vivaismo).  

Nella giornata di lunedì 11, dalle ore 15,30 alle ore 19, si apriranno le porte del Grand Tasting VinoVip Cortina 2022 all’interno della Club House del Golf Club Cortina, ai piedi dei Monti Faloria e Cristallo. Ognuna delle Cantine presenterà tre etichette d’alta gamma (tra classici e novità) a operatori del settore, giornalisti italiani ed esteri e anche ai wine lovers più esigenti. 

“Siamo molto felici di poter alzare nuovamente il sipario sull’evento più prestigioso organizzato dalla nostra rivista”, dichiara il direttore di 'Civiltà del bere', Alessandro Torcoli. “Dopo due anni di pausa forzata, è esaltante riproporre il format VinoVip, che è una manifestazione di interazioni oltre che di degustazioni. Ne abbiamo tutti bisogno, per riprendere il discorso delle relazioni interpersonali a lungo sacrificate. Per i wine lover sarà come sempre un’occasione per assaggiare le più prestigiose produzioni italiane in un contesto di straordinaria bellezza”, aggiunge. Una due giorni di confronti e di tasting che condurrà gli ospiti al centro del mondo del vino in tutta la sua complessità e bellezza, tra sogni e nuove sfide. 

 


Malacarne, 'con Amazon opportunità per crescere e imparare'

07/01/2022 12:36 PM

(Adnkronos) - “Il lato positivo di lavorare in Amazon è che ci sono tante opportunità, puoi crescere e imparare sempre cose nuove e diverse. Dopo la mia esperienza nel ramo eBook, sentivo il bisogno di assimilare nuove skills più legato ...

Leggi tutto

(Adnkronos) - “Il lato positivo di lavorare in Amazon è che ci sono tante opportunità, puoi crescere e imparare sempre cose nuove e diverse. Dopo la mia esperienza nel ramo eBook, sentivo il bisogno di assimilare nuove skills più legato al settore commerciale. Per questo sono diventato Senior Vendor Manager in Amazon Fashion dove ho seguito la sezione scarpe e borse”. A raccontarlo Giovanni Malacarne, Head of Label and Industry Relations di Amazon Music. Se si contano tutte le divisioni aziendali, infatti, Amazon arriva a comprendere circa 400 tipologie di lavoro diverse, a loro volta suddivise in circa 70 famiglie. Questo non fa che creare opportunità per diverse tipologie di persone con ogni livello di esperienza, istruzione, background e professionalità. 

L’esperienza di Giovanni Malacarne non si è fermata: a settembre 2020 entra nel mondo di Amazon Music prima come Senior Industry Manager, Label & Artist relations, e poi come Head of Label & Industry relations. “Oggi sono il punto di contatto tra Amazon e l’industria discografica con tutti i suoi stakeholder: aiutiamo gli artisti a raggiungere i loro fan, nelle campagne marketing e in iniziative che abbiano al centro la loro musica. È un lavoro dinamico, di relazione, che permette di creare un rapporto duraturo e proficuo per noi e per gli stessi artisti. Amazon Music è più di una semplice piattaforma di musica: creiamo contenuti e offriamo iniziative esclusive per i nostri clienti. Per fare ciò, dobbiamo essere sempre informati sulle ultime tendenze e apprendiamo continuamente”. 

Tra i principi di leadership di Amazon, quello che Giovanni Malacarne sente più suo è 'Earn trust': “La fiducia ti consente di lavorare bene con le persone del team ma anche con gli esterni. Al momento il team è composto da 12 persone, con un’età media di 30 anni circa, è un team creato recentemente, come anche la mia posizione. Questa è uno delle peculiarità di Amazon. Ti permette di crescere, cambiare lavoro e imparare cose nuove, divertendoti. Per me, è fondamentale”. Giovanni Malacarne non si mostra inoltre indifferente a valori importanti come ad esempio quello della diversità. Per questo, insieme ad altri colleghi, ha creato l’affinity group italiano di Glamazon, che contribuisce a rendere Amazon il 'best place to work' educando e informando i dipendenti sulle tematiche Lgbtqi+. “Il 2 luglio parteciperemo al Pride a Milano con un carro di Prime Video e Amazon Music. Nel corso degli anni e dalla fondazione dell’Affinity Group abbiamo promosso oltre 45 training, incontri e attività per i dipendenti di Amazon”, annuncia.   

 


Dall’aeronautica ad Amazon, la storia di Elena Ceccolini

07/01/2022 12:35 PM

(Adnkronos) - Dall’aeronautica militare ad Amazon. Questa la storia di Elena Ceccolini, che ha deciso di lasciare la carriera militare alla ricerca di un’esperienza nuova e stimolante. Nel 2020 entra in Amazon dove, nel giro di un solo ...

Leggi tutto

(Adnkronos) - Dall’aeronautica militare ad Amazon. Questa la storia di Elena Ceccolini, che ha deciso di lasciare la carriera militare alla ricerca di un’esperienza nuova e stimolante. Nel 2020 entra in Amazon dove, nel giro di un solo anno, ha la possibilità di crescere professionalmente acquisendo nuove competenze. In poco tempo, infatti, Elena Ceccolini passa dal ruolo di Area Manager, presso il deposito di smistamento di Pomezia (Roma), a quello di Diversity, Equity and Inclusion Operations Manager. Un ruolo, quest’ultimo, che la vede impegnata anche all’interno di un comitato dedicato alla Dei (Diversity, Equity and Inclusion) a livello europeo in cui vengono ideate e sviluppate iniziative volte a rafforzare la cultura dell’inclusività in azienda. In Amazon, i valori Dei (Diversity, Equity and Inclusion) rappresentano un pilastro chiave dell’ambiente di lavoro, un acronimo che racchiude al suo interno tutti i tipi di diversità: di genere, provenienza, disabilità, orientamento sessuale, ma anche esperienza professionale.  

“Quando parliamo di diversity - spiega Elena Ceccolini - spesso si pensa esclusivamente al gender gap, invece ci riferiamo non solo al divario tra uomini e donne, ma anche a tutte le categorie sottorappresentate come persone con orientamento sessuale o religione diversa dalla maggioranza. Il mio ruolo è proprio quello di tutelare queste categorie all’interno dell’azienda e al tempo stesso valorizzarle. È poi importante saper mantenere i talenti che selezioniamo. Sicuramente le persone sono più propense a lavorare in un’azienda inclusiva che dà spazio alle idee di tutti”. 

Elena si è occupata di istituire un comitato dedicato alla Dei a livello europeo in cui vengono ideate e sviluppate iniziative volte a rafforzare la cultura dell’inclusività in azienda. Un tema particolarmente caro ai giovani: “La mia è una figura che si è affacciata nella realtà aziendale da pochi anni - prosegue Elena Ceccolini - ma Amazon è sempre alla ricerca di qualcosa di nuovo per soddisfare le esigenze del cliente. I giovani della generazione Z hanno molto a cuore il tema dell’inclusività, lo ritengono un valore importantissimo e noi dobbiamo puntare su esso la nostra attenzione”. 

 


Webuild lancia 'Acqua per la vita', progetto per costruzione desalinizzatori

07/01/2022 06:53 AM

(Adnkronos) - Ai binari di partenza la proposta di Webuild per un progetto volto a trovare una soluzione definitiva alla grave scarsità di acqua che attanaglia il Paese in modo strutturale e non episodico, guardando al lungo ciclo del ...

Leggi tutto

(Adnkronos) - Ai binari di partenza la proposta di Webuild per un progetto volto a trovare una soluzione definitiva alla grave scarsità di acqua che attanaglia il Paese in modo strutturale e non episodico, guardando al lungo ciclo del riscaldamento globale. Il Gruppo sta infatti elaborando un progetto che a breve sarà presentato a governo e istituzioni, con delle soluzioni concrete da realizzare nel breve termine, attraverso la costruzione di desalinizzatori che producono acqua potabile dall’acqua del mare, per rimediare al drammatico fabbisogno di acqua in modo stabile e strutturale, allineando l’Italia agli standard dei paesi che hanno già investito in impianti di dissalazione per la produzione di acqua potabile, anche attraverso tecnologie e know-how italiano.  

“Contando sulla enorme esperienza mondiale del Gruppo sull’acqua sul suo intero ciclo di produzione inclusa la tecnica della dissalazione, vogliamo promuovere un progetto integrato che permetta al Paese di risolvere questo problema endemico che sta peggiorando sempre più. La nostra controllata Fisia ha già realizzato la maggior parte degli impianti di dissalazione in funzione nel Medio Oriente, rendendo possibile la vita in città strappate al deserto come Abu Dhabi o in città ad alto consumo di acqua come Dubai. La carenza idrica in Italia è un fenomeno storico e non solo momentaneo legato al cambiamento climatico. È necessario un intervento immediato e strutturale per risolvere una volta per tutte lo stato di profonda crisi idrica del Paese, approfittando del momentum positivo per la realizzazione di infrastrutture e dell’esperienza di soggetti istituzionali ed imprenditoriali, che insieme si possono mettere a disposizione del Paese e degli italiani per fornire soluzioni al problema, anche facendo ricorso a risorse del PNRR” dichiara Pietro Salini, Amministratore Delegato di Webuild.  

Mancanza di piogge, ma anche infrastrutture non adeguate: in Italia oltre alla ridotta produzione di acqua ed alla ridotta dimensione di pochi impianti di desalinizzazione si aggiunge la cronica mancanza di manutenzione degli impianti di distribuzione e quasi 1 miliardo di metri cubi d'acqua potabile viene sprecato ogni anno, più di 1/3 di tutta l'acqua a disposizione.  

In 11 Comuni capoluogo di provincia/città metropolitana, tutti nel Mezzogiorno, sono state adottate misure di razionamento nella distribuzione dell’acqua. Le prime 7 regioni per irregolarità nell'approvvigionamento idrico (percentuale di famiglie che dichiarano assenza di acqua) risultano Calabria (39%), Sicilia (22%), Abruzzo (17%), Campania (16%), Molise (15%), Sardegna (13%), Lazio (12%). Il 32% della popolazione lamenta scarsità di acqua potabile, per un valore stimato in circa mezzo miliardo di metri cubi per anno. Tale richiesta potrebbe essere soddisfatta dalla produzione garantita dall’acqua prodotta attraverso impianti di desalinizzazione dell’acqua del mare, come avviene in molti paesi nel mondo. 

L’Italia oggi ha una produzione del 4% di acqua desalinizzata rispetto al consumo totale (in Spagna è del 56%; in Australia è pari al 26%) fatta prevalentemente con piccoli impianti nelle isole minori (Lipari, Elba, Ischia, …), nonostante sia una penisola bagnata da diversi mari. Il Gruppo Webuild, tra i leader mondiali delle infrastrutture nel settore acqua, attivo nell'intero ciclo idrico, dall'approvvigionamento a fini potabili e irrigui al trattamento finale delle acque reflue, ha individuato delle soluzioni alla crisi idrica del Paese con la costruzione di desalinizzatori, che già realizza da decenni in molte aree aride del mondo.  

Con Fisia Italimpianti, Webuild è leader mondiale nella progettazione sostenibile e nella realizzazione di impianti per il trattamento delle acque e per la dissalazione, con una produzione pari a 6.000.000 m3/giorno di acqua trattata, che soddisfa ogni giorno le esigenze di 20 milioni di persone nel mondo. Il Gruppo ha inoltre realizzato un impianto molto complesso in Nevada nel 2016, per dissetare la città di Las Vegas. Il tunnel idraulico n. 3 di Lake Mead garantisce oggi la fornitura di acqua potabile a quasi 2 milioni di residenti nella città di Las Vegas e nelle aree circostanti, attraverso un articolato sistema di prelievo e trasporto delle acque del Lake Mead. 


Turismo, Colaiacovo (Confindustria Alberghi): "Dati confortanti, vicini a numeri pre-pandemia"

06/30/2022 05:40 PM

(Adnkronos) - "In questo momento, sicuramente il settore fa segnare dati confortanti, dopo due anni di pandemia. Siamo in un momento favorevole per il turismo, che si avvicinano a quelli pre-pandemia. Da questo punto di vista guardiamo con positività ...

Leggi tutto

(Adnkronos) - "In questo momento, sicuramente il settore fa segnare dati confortanti, dopo due anni di pandemia. Siamo in un momento favorevole per il turismo, che si avvicinano a quelli pre-pandemia. Da questo punto di vista guardiamo con positività al futuro". Così, con Adnkronos/Labitalia, Maria Carmela Colaiacovo, presidente di Confindustria Alberghi, sulla situazione del turismo in Italia. 

E secondo Colaiacovo "anche se più lentamente rispetto al resto d'Italia, anche il turismo nelle città d'arte è in ripresa. E sono tornati i turisti americani: la prima meta per tornare a viaggiare dopo la pandemia è stata proprio l'Italia". 

Per la presidente di Confindustria Alberghi "oggi la nostra prima preoccupazione è l'aumento sconsiderato dei prezzi energetici. Gli alberghi non sono considerate imprese energivore ma in realtà lo sono, perchè le nostre 'case' sono aperte 24 ore su 24 tutti i giorni. Con condizionatori, riscaldamenti, elettrodomestici e tutto il resto sempre accesi. Siamo molto preoccupati per il futuro su questo punto di vista, crediamo che in autunno il problema possa solo peggiorare senza interventi".  

E sull'allarme di questi giorni la leader di Confindustria Alberghi sottolinea che "la nuova ondata di Covid? Al momento non ci preoccupa... vogliamo cercare di guardare al futuro con ottimismo, cercare di prendere i dati positivi che stiamo riscontrando nel settore del turismo". 


Stop a benzina e diesel dal 2035, cosa ne pensano gli automobilisti

06/30/2022 05:02 PM

(Adnkronos) -  

Il Consiglio dei Ministri dell'Ambiente dei Paesi UE ha dato il via libera al blocco delle vendite di auto nuove a benzina e diesel dal 2035. La misura che, fa parte dell’ambizioso piano di azione ...

Leggi tutto

(Adnkronos) -  

Il Consiglio dei Ministri dell'Ambiente dei Paesi UE ha dato il via libera al blocco delle vendite di auto nuove a benzina e diesel dal 2035. La misura che, fa parte dell’ambizioso piano di azione contro il cambiamento climatico, non è esente da polemiche tra chi pensa che sia l’unico modo per ridurre le emissioni di gas serra e chi invece afferma che i tempi sono troppo stretti con il rischio di demolire l’intera filiera automotive italiana. Ma cosa ne pensano gli automobilisti? Secondo una ricerca del Centro Studi di AutoScout24 il giudizio non è positivo, anzi, quasi sette utenti su dieci valutano la misura negativamente, con i motori tradizionali che si confermano allo stato attuale “insostituibili”.  

Quali sono le motivazioni? Partiamo dai tempi. Per quasi otto utenti su dieci, il 2035 è una data troppo ravvicinata per un cambiamento così epocale, un parere in linea con i Paesi che chiedono di posticiparne lo stop al 2040. Sul fronte dei costi, per la maggior parte (90%), il prezzo delle auto elettriche è troppo alto e distante dal budget medio a disposizione degli utenti per l’acquisto di un’auto (circa €24.600) dichiarato dai rispondenti in occasione della ricerca.  

Ma la vera barriera è di tipo tecnologico e pochi credono che fra 13 anni ci sarà una vera “rivoluzione” su questo fronte. Secondo gli utenti (86%), infatti, il livello tecnologico non è ancora adeguato in termini di batterie e autonomia, senza contare la carenza dell’infrastruttura italiana delle colonnine di ricarica indicata da ben l’83% del campione. Una fotografia che poco si adatta alle abitudini degli automobilisti, dato che l’83% usa l’auto almeno cinque giorni a settimana, oltre quattro su dieci percorrono in media più di 20mila km l’anno e molti per spostamenti lunghi. 

Poi c’è anche un aspetto ambientale. Solo pochi sostengono, considerando tutto il ciclo di vita del prodotto, che le auto elettriche siano veramente green (7%) e che la misura servirà realmente a ridurre le emissioni e l'impatto ambientale (19%). Inoltre, gli intervistati pensano che avremo il problema di come smaltire le batterie (84%). Al contrario, i favorevoli pensano che solo con interventi decisi si potrà promuovere il passaggio verso una mobilità più green, ma per il momento rappresentano la netta minoranza. 

 


Nasce Sistema Impresa Puglia, Cuonzo presidente regionale

06/30/2022 04:22 PM

(Adnkronos) - Nasce Sistema Impresa Puglia. La creazione della nuova federazione regionale è l’espressione del comune obiettivo che ha coinvolto, nell’operato sul territorio, i rappresentanti dei vertici confederali provinciali: Giacomo Cuonzo, presidente di Sistema Impresa Bari; Gianvito D’...

Leggi tutto

(Adnkronos) - Nasce Sistema Impresa Puglia. La creazione della nuova federazione regionale è l’espressione del comune obiettivo che ha coinvolto, nell’operato sul territorio, i rappresentanti dei vertici confederali provinciali: Giacomo Cuonzo, presidente di Sistema Impresa Bari; Gianvito D’Aversa, presidente di Sistema Impresa Brindisi; Luca Marasco, presidente di Sistema Impresa Lecce; Domenica Leone, presidente di Sistema Impresa Taranto. “La federazione pugliese di Sistema Impresa - dichiara il neopresidente regionale, Giacomo Cuonzo, al termine della riunione del consiglio direttivo che ha sancito il varo della nuova realtà associativa e del quale fa parte anche Filippo Colapinto - è il frutto di un’azione efficace, puntuale e condivisa all’interno delle economie locali che sta perseguendo con tenacia e progettualità innovative lo sviluppo delle aziende e del lavoro. Il presidio confederale può fare molto confrontandosi con l’ente regionale e con le istituzioni territoriali per fare in modo che la Puglia possa incentivare al massimo la capacità di produrre opportunità professionali, crescita per le aziende, competitività, occupabilita’ e posti di lavoro”.  

Il presidente Cuonzo ha indicato le priorità strategiche della federazione: internazionalizzazione delle aziende con la promozione di metodologie e strumenti propedeutici all’affermazione del made in Italy; sostegno al progetto della Zes Adriatica con oltre 300 ettari da assegnare tramite procedure semplificate ed agevolate per incrementare i fenomeni di rilocalizzazione; prosecuzione della partnership con Inail in linea con l’agenda della confederazione nazionale da realizzarsi tramite un accordo regionale finalizzato a diffondere l’adozione da parte delle aziende dei Mog (modelli di organizzazione e gestione) nell’ambito della salute e sicurezza dei luoghi di lavoro.  

“La Puglia - commenta il presidente nazionale Berlino Tazza - è ormai al centro delle politiche di espansione e di sviluppo del Mediterraneo qualificandosi come un’area adatta ad accogliere l’interesse degli investitori internazionali e delle multinazionali che intendono immettersi con successo nei mercati del sud Europa. Sistema Impresa può intervenire in questo contesto sostenendo le imprese, a partire dalle Pmi, attraverso l’erogazione di servizi efficienti sul piano contrattuale, fiscale, del welfare, del credito, della trasformazione tecnologica e delle strategie di sviluppo”. La sede di Sistema Impresa Puglia si trova a Bari in via Argiro 7. 


Morbello (Haier): 'Elettrodomestici connessi semplificano vita consumatore'

06/30/2022 03:59 PM

(Adnkronos) - “Il processo di innovazione di Haier Europe riguarda tutte le aree che aggiungono valore ai nostri elettrodomestici. L’IoT ha il grosso vantaggio di incrementare la value proposition del singolo prodotto e quindi tutto quello che ha ...

Leggi tutto

(Adnkronos) - “Il processo di innovazione di Haier Europe riguarda tutte le aree che aggiungono valore ai nostri elettrodomestici. L’IoT ha il grosso vantaggio di incrementare la value proposition del singolo prodotto e quindi tutto quello che ha a che fare con l’intelligenza artificiale e con la possibilità di connessione attraverso un’app aumenta il valore dell’elettrodomestico”. Lo ha detto Giampiero Morbello, Responsabile IoT e Brand di Haier Europe, a margine della conferenza di presentazione alla stampa del progetto di venture building ‘Open Enterprise’. 

“Per esempio -ha spiegato Morbello - non sarà più necessario impostare il lavaggio e la temperature della lavatrice, grazie all’IoT è sufficiente scattare una foto al bucato che si intende mettere nel cestello e lasciare che l’intelligenza artificiale connessa all’elettrodomestico selezioni il lavaggio migliore. Questo permette non solo di risparmiare tempo e di agevolare il cliente, ma anche di risparmiare energia e di avere un bucato sempre perfetto. Lo stesso può essere fatto se si pensa ad una cantina o ad una dispensa domestica: l’intelligenza artificiale è in grado di creare i migliori abbinamenti tra cibo e vino, così da semplificare la scelta e appagare il palato di amici e familiari", ha aggiunto.  

"Infine -ha concluso il responsabile IoT e Brand di Haier Europe - al Salone del Mobile abbiamo presentato una grande novità che riguarda le lavatrici: si chiama Wash Pass ed è una soluzione totalmente innovativa che consiste nell’utilizzo di singoli componenti chimici, posti all’interno dell’elettrodomestico così come accade con le cartucce della stampante, al posto dei normali detersivi ed ammorbidenti. Ciò consente al consumatore di avere maggiore libertà e di lavare il proprio bucato al meglio e con consumi minori”.  


Fossataro (Haier): 'Open Enterprise accelera investimenti in start up innovative'

06/30/2022 03:56 PM

(Adnkronos) - “Haier è un’azienda molto innovativa, aperta a livello ecosistemico e in questo filone abbiamo pensato di aprire una società che possa non solo partecipare in partnership commerciali con il mondo dell’aziende, delle start-up e delle late ...

Leggi tutto

(Adnkronos) - “Haier è un’azienda molto innovativa, aperta a livello ecosistemico e in questo filone abbiamo pensato di aprire una società che possa non solo partecipare in partnership commerciali con il mondo dell’aziende, delle start-up e delle late stage start-up che ci circonda, ma anche investire in queste realtà, dando loro un supporto in termini di capitale, con un’ottica di beneficio reciproco, di sinergia e di sviluppo economico. Da ciò può nascere per noi un’opportunità di nuovo business o, più semplicemente, la possibilità di supportare un partner e la nostra crescita commerciale”. Lo ha detto Marco Fossataro, Chief Financial Officer di Haier Europe e Ceo di Haier Europe Open Entreprise in occasione della presentazione alla stampa del progetto di Venture Building “Open Enterprise”. 

Le modalità con le quali mettersi in contatto con il Gruppo leader nel campo degli elettrodomestici connessi sono molto semplici, come ha spiegato Fossataro: “Chi è interessato può entrare in contatto con noi tramite il nostro sito web o contattandoci direttamente. Nel corso dell’incontro di presentazione e di conoscenza sarà necessaria la presentazione di un pitch del progetto a cui lavora la start up, che preveda anche un business case. Se si riscontra interesse da ambo le parti si prosegue con la definizione di una quota di partecipazione, immagino minoritaria, per entrare all’interno del capitale e supportare la crescita e lo sviluppo del business”. 

Per Haier Europe è fondamentale che le realtà con le quali si opera mantengano la propria libertà ed identità: “Chi lavorerà con noi nell’abito di Open Enterprise non verrà inglobato, anzi, riteniamo molto importante che ciascuno mantenga la propria linea imprenditoriale e massima indipendenza decisionale -ha sottolineato ancora il Ceo di Haier Europe Open Entreprise - Vogliamo che dalla sinergia tra realtà imprenditoriali derivi un beneficio reciproco”.  


Contri (Haier): 'Puntiamo su start up con idee nuove e piani crescita credibili'

06/30/2022 03:54 PM

(Adnkronos) - “Ci rivolgiamo alle start-up che operano in ambiti adiacenti al nostro mondo, che è quello dell’elettrodomestico. Il taglio deve essere quello di una realtà non troppo early stage, che quindi abbia già sviluppato un fatturato e un ...

Leggi tutto

(Adnkronos) - “Ci rivolgiamo alle start-up che operano in ambiti adiacenti al nostro mondo, che è quello dell’elettrodomestico. Il taglio deve essere quello di una realtà non troppo early stage, che quindi abbia già sviluppato un fatturato e un product market fit e che abbia un piano di crescita credibile e importante nei prossimi 3-5 anni. Sempre nell’orizzonte temprale dei 3-5 anni, deve dimostrare di poter puntare ad una profittabilità positiva. Ovviamente, l’area di intervento di interesse per noi che siamo il braccio europeo della multinazionale Haier è il territorio dei consumatori su tutta Europa”. Lo ha detto Andrea Contri, IoT Ecosystem Director di Haier Europe in occasione della presentazione alla stampa del progetto di venture building ‘Open Enterprise’.  

Il passaggio dalla vendita di un prodotto alla vendita di un servizio è un aspetto cruciale per semplificare la vita dei consumatori, come spiega Contri: “Grazie all’investimento in IoT, e quindi in connettività, abbiamo creato un’infrastruttura -ha sottolineato l’IoT Ecosystem Director di Haier Europe- abbiamo messo nelle case di 4 milioni e mezzo di nostri consumatori degli elettrodomestici che non solo possono essere telecomandati e gestiti da remoto ma possono parlare con Internet e con il mondo esterno. La sfida, adesso, è creare uno strato di servizi al consumatore finale nell’ambito della smart home, della cucina e dei servizi per la casa".  

"Così facendo possiamo aiutare il consumatore a semplificare le scelte che deve prendere, ad avere più tempo per sé, per le cose che gli interessano e per coltivare le proprie passioni”, ha concluso. 


Buone pratiche green, al via il Premio Vivere a Spreco Zero

06/30/2022 01:43 PM

(Adnkronos) - Al via la decima edizione del Premio Vivere a Spreco Zero. C’è tempo fino al 15 settembre 2022 per candidarsi: al centro, ancora una volta, le Buone Pratiche green per 12 categorie (Amministrazioni Pubbliche, Imprese, Scuole, Cittadini, Associazioni, Economia Circolare, ...

Leggi tutto

(Adnkronos) - Al via la decima edizione del Premio Vivere a Spreco Zero. C’è tempo fino al 15 settembre 2022 per candidarsi: al centro, ancora una volta, le Buone Pratiche green per 12 categorie (Amministrazioni Pubbliche, Imprese, Scuole, Cittadini, Associazioni, Economia Circolare, InnovAction, Biodiversità, Saggistica, Dieta Mediterranea, Ortofrutta, e la speciale categoria Acqua/Energia).  

I premi sono promossi dalla campagna Spreco Zero di Last Minute Market con il patrocinio dei ministeri della Transizione Ecologica, degli Affari Esteri e della Cooperazione internazionale e del Lavoro e delle Politiche Sociali, e con la Rappresentanza della Commissione Europea in Italia, Anci, la Regione Emilia Romagna.  

"Se il cambiamento climatico sta presentando il conto e la grande sete si è aggravata - spiega il fondatore Spreco Zero, l’agroeconomista e accademico Andrea Segrè - con la drammatica guerra in Ucraina si è ulteriormente acuita la crisi energetica: la diversificazione nell’approvvigionamento e le strategie di transizione energetica verso modelli di produzione e consumo sostenibile richiederanno comunque la massima attenzione per garantire a tutti condizioni di vita adeguate, nel corso del prossimo inverno e negli anni a venire. La decima edizione del Premio Vivere a Spreco Zero vuole lanciare una raccolta concreta e replicabile di Buone pratiche per la prevenzione e riduzione del consumo dell’acqua e dell’energia. Una call rivolta a tutti, come nello stile del Premio: enti pubblici, aziende e cittadini potranno segnalare le loro best practice, i progetti concreti di risparmio idrico ed energetico, le attenzioni e abitudini quotidiane che potrebbero essere virtuosamente 'copiate'. Inclusi gli stili alimentari: perché dietro ai pasti che consumiamo quotidianamente ci sono enormi quantità di acqua e di energia: circa 3.600 litri per un’alimentazione a base di carne e 2.300 litri per una dieta vegetariana. Tutti siamo coinvolti nella corsa a ostacoli verso il 2030 e gli Obiettivi di sviluppo sostenibile".  

"In un momento di crisi come quello attuale è davvero importante conformarsi a sistemi che riducano gli sprechi e le perdite alimentari - spiega Marina Sereni, viceministra degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale - Il ministero degli Esteri ha ben chiara questa priorità. Una campagna nazionale per il contrasto al food loss and waste richiede tempo per produrre risultati concreti. Tuttavia, è ora che bisogna iniziare. L’Italia ha un grande potenziale e grandi eccellenze in questo settore, che può mettere a disposizione e può impiegare per impostare piani nazionali anti-spreco". 

"Sono convinta che anche quest’anno ci sarà una grande partecipazione - osserva il sottosegretario alla Transizione Ecologica Vannia Gava - Il Premio sarà utile per capire in quale direzione va il Paese in relazione a temi come la prevenzione degli sprechi, che è anche un dovere civile, l’economia circolare, la promozione della biodiversità. La sensibilizzazione è importante per tutti e in particolare per le giovani generazioni. Puntare alla sostenibilità e realizzare la transizione ecologica significa anche prevenire lo spreco in ogni sua forma e nelle abitudini quotidiane, serve il contributo di tutti: enti pubblici, imprese e cittadini". 

Le candidature dovranno pervenire attraverso il form pubblicato nella homepage del sito sprecozero.it. Le terne finaliste saranno proclamate il 16 ottobre, Giornata Mondiale dell’Alimentazione. I vincitori saranno premiati il 29 novembre, a Bologna. 


Codere e Fondazione Villa Gaia per nuova biblioteca di genere

06/30/2022 01:19 PM

(Adnkronos) - Codere Italia, operatore di gioco legale leader del settore, continua le sue attività di Corporate Social Responsability sostenendo la Fondazione Villa Gaia che dal 2008 si occupa di dare supporto alle donne vittime di violenza. Sabato 2 luglio, in ...

Leggi tutto

(Adnkronos) - Codere Italia, operatore di gioco legale leader del settore, continua le sue attività di Corporate Social Responsability sostenendo la Fondazione Villa Gaia che dal 2008 si occupa di dare supporto alle donne vittime di violenza. Sabato 2 luglio, in occasione dell’inaugurazione della biblioteca di genere ospitata all’interno della rinnovata Villa Gaia di Rea, alle porte di Pavia, Codere Italia consegnerà il suo contributo per sostenere le tante attività della Fondazione. Durante la giornata, ricca di appuntamenti, laboratori artistici e passeggiate organizzate, verrà svelata anche l’installazione permanente di una panchina rossa, simbolo della lotta alla violenza sulle donne. Inoltre, nel punto vendita gestito direttamente dalle volontarie di Codere si potrà acquistare, con una donazione minima di 5 euro, una piccola panchina rossa. I fondi raccolti saranno devoluti alla Fondazione.  

“Sosteniamo con piacere Isa Maggi e le sue attività legate alla Fondazione Gaia - dichiara Imma Romano, Direttrice Relazioni Istituzionali di Codere Italia - Siamo da sempre particolarmente sensibili ai temi dell’inclusione sociale e della lotta alla violenza di genere. Da molti anni promuoviamo 'Innamòrati di Te', un progetto itinerante che vuole sensibilizzare l’opione pubblica, in primis i clienti e dipendenti delle nostre gaming hall, su questi argomenti. Purtroppo continuiamo ad assistere ad episodi quotidiani di violenza inaudita sulle donne. Il percorso culturale e sociale è ancora lungo e il nostro impegno non verrà meno. Combattere la violenza di genere è un pilastro intorno a cui costruire un futuro più sicuro per tutte noi”. 

“Villa Gaia è una casa con spazi sociali pensati e realizzati per donne e bambini in difficoltà - spiega Isa Maggi, fondatrice e presidente della Fondazione Gaia - Abbiamo avviato questo progetto sapendo che non sarebbe stato facile ma abbiamo trovato molte persone disposte a darci una mano. Per questo ringrazio Codere Italia che ha deciso di sostenere questo nostro sogno rendendo la biblioteca di genere, che ospita anche una sezione dedicata al femminismo, una realtà finalmente fruibile”.  


Città a misura di persona, Milano, Bologna e Torino in testa

06/30/2022 01:18 PM

(Adnkronos) - Le città stanno affrontando una transizione radicale verso nuovi modelli che includono la ridefinizione di spazi e tempi urbani, oltre che del rapporto tra attività lavorative e non, sempre più fluido e flessibile. Al tempo stesso da ...

Leggi tutto

(Adnkronos) - Le città stanno affrontando una transizione radicale verso nuovi modelli che includono la ridefinizione di spazi e tempi urbani, oltre che del rapporto tra attività lavorative e non, sempre più fluido e flessibile. Al tempo stesso da parte dei cittadini avanza la volontà di recuperare il senso di comunità e il desiderio di vivere in città più a misura di persona. Le città del futuro saranno 'human smart city', un modello che vede la persona al centro e si sviluppa lungo tre assi principali: transizione ecologica, digitale e inclusione sociale. Quanto sono pronte le nostre città a questa trasformazione? Incrociando i dati legati a investimenti e iniziative intraprese dagli stakeholder verso i cittadini e i comportamenti attuati dai cittadini e city users stessi sui tre assi strategici della trasformazione, l'ecosistema urbano italiano risulta in piena evoluzione, ma con ampi margini di miglioramento e con Milano, Bologna e Torino più virtuose.  

È quanto emerge dall'EY Human Smart City Index 2022, ricerca annuale che individua le tendenze sull'evoluzione delle città e che integra anche indicatori legati a comportamenti ecologici, competenze digitali dei cittadini e inclusione sociale. La ricerca segnala anche il persistere di importanti differenze tra città del Nord e del Sud, ma anche una positiva riduzione del gap tra metropoli e città medie e piccole, dove i comportamenti sostenibili sono più facili e le relazioni sociali più strette. 

Il punto di forza di Milano, che si conferma in cima alla graduatoria, si è rivelato l'avanzamento rispetto alla transizione digitale sia sotto l'aspetto delle infrastrutture (5G, IoT, ultra-broadband) che delle competenze dei cittadini e dell'utilizzo dei servizi online. Sul secondo gradino del podio Bologna, soprattutto grazie a importanti investimenti e spese nel settore sociale, oltre che al coinvolgimento dei cittadini nella vita sociale della città. Terza classificata Torino, che ha ottenuto un punteggio elevato nella componente dei comportamenti dei cittadini specie quelli legati alla transizione ecologica.  

Nella top ten, dal quarto all'ottavo posto, seguono città di medie dimensioni: Trento, Parma, Bergamo, Padova e Brescia. Chiudono la classifica delle prime dieci, due città metropolitane: Venezia e Firenze. Roma è al dodicesimo posto, perdendo cinque posizioni rispetto al'Index 2020, soprattutto a causa di un deciso ritardo in termini di transizione ecologica. Il divario tra Nord e Sud risulta particolarmente evidente dal fatto che tra le 40 città del Mezzogiorno solo tre città metropolitane si trovano nella prima fascia del ranking, Cagliari (19 gradi), Napoli (34 gradi) e Bari (34 gradi). Al contrario, delle 47 città del Nord ben 29 sono nella prima fascia. Inoltre, le ultime dieci del ranking complessivo sono cittadine del Mezzogiorno. Il ruolo delle aziende nel cambiamento 

Lo scenario attuale e le sue dinamiche in rapida evoluzione si ripercuotono anche sulle aziende non solo in ottica di nuovi modelli di gestione del lavoro e delle risorse, ma anche di maggiore sensibilità verso le persone e l'ambiente. Perseguendo gli obiettivi di impatto sociale (Esg), infatti le aziende possono avere un ruolo centrale nella sostenibilità dell'ambiente urbano in cui operano. 

Quali sono le filiere più attente agli aspetti human? Solo cinque (Technology & Telco, Produzione automotive, Dispositivi medici, Farmaceutico, Media & Entertainment) superano i valori medi nazionali. Si tratta di quelle filiere in cui pesa l'alta concentrazione nei territori metropolitani del Nord e del Centro: Milano, Roma, Torino, Bologna e l'Emilia, che offrono ai lavoratori contesti lavorativi e di vita più a misura di persona. Al contario, le filiere meno virtuose, Agrifood e Retail Food, sono quelle concentrate nelle aree più rurali del Paese dove il livello di human smartness è meno elevato.  


Agli italiani piace a km 0

06/30/2022 01:11 PM

(Adnkronos) - La pandemia, la crisi economica e ora la guerra spingono gli italiani verso consumi più sostenibili. Rispetto a un anno fa sono aumentati gli acquisti di prodotti made in Italy e a km 0 (+ 28 %) con una crescita dell’...

Leggi tutto

(Adnkronos) - La pandemia, la crisi economica e ora la guerra spingono gli italiani verso consumi più sostenibili. Rispetto a un anno fa sono aumentati gli acquisti di prodotti made in Italy e a km 0 (+ 28 %) con una crescita dell’attenzione alla sostenibilità come criterio di scelta. Di pari passo diminuiscono gli acquisti di prodotti di marca (- 52%) ed etnici (-26 %). Sono le principali novità che emergono dal Report “FragilItalia”, elaborato da Area Studi Legacoop e Ipsos. Coerenti con queste scelte anche i comportamenti: l’88% degli intervistati dichiara di portare da casa sacchetti in tessuto o di utilizzare quelli biodegradabili, l’80% di acquistare prodotti con confezioni di carta/cartone, il 74% di acquistare, quando possibile, prodotti sfusi. 


L'eolico offshore cresce, ma non abbastanza

06/30/2022 12:39 PM

(Adnkronos) - L'industria eolica offshore mondiale ha registrato un anno record nel 2021 in termini di nuova capacità installata, ma, nonostante questo, non riuscirà a raggiungere gli obiettivi per le zero emissioni entro il 2030. E’ la previsione che emerge da ...

Leggi tutto

(Adnkronos) - L'industria eolica offshore mondiale ha registrato un anno record nel 2021 in termini di nuova capacità installata, ma, nonostante questo, non riuscirà a raggiungere gli obiettivi per le zero emissioni entro il 2030. E’ la previsione che emerge da un report della Global Wind Energy Council (GWEC). Il GWEC prevede prevede infatti la costruzione di 316 GW di capacità entro fine decennio: ma questo dato è di gran lunga inferiore rispetto agli 80 GW annui che l'Agenzia Internazionale dell'Energia ha identificato come obiettivo fino al 2030, per raggiungere le zero emissioni nette entro il 2050. 


Meno balene uccise dalle reti, ma la minaccia resta

06/30/2022 12:33 PM

(Adnkronos) - Il numero di balene impigliate negli attrezzi da pesca è diminuito di recente, ma le reti continuano a rappresentare una minaccia per le specie a rischio estinzione. E’ quanto emerge da un report pubblicato dalla National Oceanic and ...

Leggi tutto

(Adnkronos) - Il numero di balene impigliate negli attrezzi da pesca è diminuito di recente, ma le reti continuano a rappresentare una minaccia per le specie a rischio estinzione. E’ quanto emerge da un report pubblicato dalla National Oceanic and Atmospheric Administration statunitense. Nel 2020 sono stati confermati 53 casi di balene impigliate negli Stati Uniti: si tratta di un calo del 25% rispetto all'anno precedente e una cifra inferiore alla media degli ultimi 13 anni. La morte per impigliamento è una delle maggiori minacce per le specie di balene in declino, in particolare per le balene franche dell'Atlantico settentrionale, che sono meno di 340 al mondo. 


»