Address : Via del Macao 6
00185 Roma

L'impatto della crisi economica sul PIL del nostro paese

L'impatto della crisi economica sul PIL del nostro paese

26/03/2019 - 17/03/2020

Il grafico sopra riportato è tratto da una analisi dello Studio Ambrosetti - The European House una delle principali società di consulenza in Europa.

Divide il periodo 2006 - 2015 in trimestri fissando quindi l'andamento dell'economia del nostro paese con quattro rilevazioni ogni anno.

Il grafico rileva chiaramente come fra la fine del 2007 ed il 2008 la nostra economia sia letteralmente crollata in maniera verticale.
Se si esclude una ripresa non consolidata intorno al 2010 il dato drammatico di questa rilevazione è che al di là dei proclami, a dicembre 2015 eravamo ancora al punto più basso della crisi del 2008 ed decisamente lontani dai livelli pre crisi.

Convinzione di chi scrive è che parlare di ripresa economica davanti a questo tipo di dati è davvero fuori luogo ed è accettabile parlare di ripresa economica almeno al raggiungimento dei livelli precedenti il 2008.

Il dato abbastanza allarmante è quello delle stime dell' ISTAT, Confindustria, Commissione Europea , Ocse  e Fondo Monetario internazionale che indicato rispettivamente 0,7%, 1%, 0,6%, 0,6%, 0,5% le  stime di crescita per il 2016.

Partendo dai dati di questi rilevatori dovremmo avere mediamente una crescita compresa fra lo 0,6% e lo 0,7% per il 2016.

Decisamente troppo poco per parlare di uscita dalla crisi e decisamente troppo modesta per la perdita registrata nel decennio precedente dove si è distrutta gran parte della nostra ricchezza.

Questo blog tratta di crisi alberghiere ma è evidente che le faccende macroeconomiche non possono essere escluse nel momento in cui si impostano le strategie delle aziende alberghiere.
Si deduce pertanto che almeno per i prossimi 5/6 anni lo stato dell'economia migliorerà in maniera modesta ogni anno e lo stato attuale di cose costruirà la normalità.

Per le imprese alberghiere non rimane che prenderne atto ed impostare le strategie idonee nell' ambito della riorganizzazione dei loro processi.

Roberto Necci
www.robertonecci.it


»