Address : Via del Macao 6
00185 Roma

Il nuovo codice della crisi di impresa e l'importanza del controllo di gestione dell'azienda alberghiera

Il nuovo codice della crisi di impresa e l'importanza del controllo di gestione dell'azienda alberghiera

18/11/2019 - 18/11/2020

Ad agosto del 2020 entrerà in vigore la riforma del Codice delle crisi di impresa che riforma l'Istituto del Fallimento che verra' sostituito dalla liquidazione giudiziale.

Sostanzialmente il decreto legislativo n.14 del 2019 attuera' la delega contenuta nella legge 155 del 2017 e disciplinera' in un unico corpo normativo le procedure che hanno come obiettivo la soluzione alla crisi di impresa.

Scompariranno le parole "fallimento" e "procedura fallimentare" e verranno sostituite da "liquidazione giudiziale" e "procedura di liquidazione giudiziale".

Tuttavia al di là dei tecnicismi di una legge che alla data odierna (Novembre 2018) non e' ancora entrata in vigore sono convinto che questa riforma sia piuttosto importante, e francamente se ne sentiva la necessità.

La logica ispiratrice e' la salvaguardia dei beni aziendali anche a tutela dei creditori e sopratutto la salvaguardia dell'azienda nella sua interezza.
E' piuttosto evidente che rispetto al passato c'e' un chiaro elemento di discontinuità visto che anche nella filosofia che ha ispirato il legislatore "la crisi" viene definita come un fatto normale della vita dell'impresa.

L'obiettivo della legge e' quello di attivare delle "sentinelle" che possano intervenire già dai primi segnali visto che nell'ambito dei processi di risanamento la tempistica e' fondamentale.

Viene data ampia importanza al ruolo dei sindaci, dei revisori oltre che agli amministratori e costituira' comportamento virtuoso anche talvolta ai fini dell'esterno di eventuali e particolari responsabilita' la tempestiva comunicazione dello stato di crisi.

Segnalazione che andra' fatta all'Organismo di composizione delle crisi di impresa che dovra' essere costituito anche in collaborazione con le Camere di Commercio e le associazioni private.
Sara' compito dell'organismo trovare le migliori soluzioni per le eventuali risoluzioni delle criticita'.

Se tale esperimento funziona si potra' garantire una azione finalizzata al risanamento altrimenti si dovra' procedere alla liquidazione giudiziale.

La segnalazione all'Organismo di composizione della crisi potra' anche avvenire dagli enti previdenziali o dall'agenzia delle entrate.

Obiettivo del presente articolo tuttavia non è quello di dettagliare gli aspetti normativi della nuova legge quanto piuttosto quello di sensibilizzare l'importanza, sopratutto all'interno delle aziende alberghiere, che in alcuni casi ne sono prive, dei sistemi interni atti al controllo ed al monitoraggio dei risultati gestionali.

Soprende infatti, come un settore che espone ad una molteplicita' di rischi, sia in alcuni casi privo di strumenti di controllo interni all'azienda e sopratutto di monitoraggio dei risultati.

Parere di chi scrive e' che oggi il legislatore se da una parte ha modificato alcuni aspetti che penalizzavano l'imprenditore in difficoltà dall'altro ha preteso che le imprese si organizzino in maniera puntuale in tutti gli aspetti relativi al monitoraggio dei risultati.

La nostra divisione consulenza e' impegnata da anni in una molteplicità di progetti di risanamento e spesso si riscontrano in campo alle aziende alberghiere processi assolutamente improvvisati o talvolta addirittura assenti.

Tutto ciò e' penalizzante non solo nell'ambito del nuovo codice della crisi ma anche negli aspetti quotidiani della vita operativa.

A quale prezzo e' conveniente vendere?
Che livello occupazionale devo prevedere per le mie strategie tariffarie?
Che rapporto camere / presenze debbo avere?
Che tipologia di modello organizzativo devo adottare in funzione del target potenziale?
Quale e' il costo del personale sostenibile per i fatturati ed il modello organizzativo?

Sorprende in senso negativo quante aziende alberghiere non siano in grado di dettagliare, rispondendo a semplici domande, le loro strategie commerciali ed operative.


»